Mercoledì 21 Novembre 2012

Bergamo, Circoscrizione 2:
sfiduciato il presidente Epis

Una sfiducia non tanto politica quanto alla persona, ritenuta incapace di gestire il parlamentino. È per questo motivo che nell'ultima seduta il consiglio della 2ª Circoscrizione ha sfiduciato il suo presidente, il leghista Giuseppe Epis. La mozione è stata presentata dal Pdl.

Nel documento di sfiducia, una quindicina di pagine, si è parlato anche dei rapporti fra parlamentino e Comune: in particolare le critiche hanno riguardato la mancanza di un dibattito con la giunta comunale, guidata da Pdl e Lega. Un dibattito che, secondo il gruppo del Pdl in Circoscrizione, è mancato per colpa del presidente Epis.

Il parlamentino è quello al quale fanno capo i quartieri del Villaggio Sposi, Grumello al Piano, Carpinoni, S. Tomaso, S. Lucia, Loreto e Longuelo. Al presidente Epis il Pdl ha contestato tra l'altro il mancato funzionamento dei servizi, la convocazione delle commissioni con modalità inadeguate, la conservazione dei verbali in modo disordinato, tanto da rendere impossibile la consultazione, e il mancato ascolto delle proposte.

Piccole cose, che però hanno portato anche il centrosinistra a sottolineare, durante il dibattito, che da tempo la vera minoranza in consiglio era all'interno della maggioranza.

L'attacco del Pdl è stato non tanto alla Lega quanto al presidente Epis, reo di guidare da tre anni la circoscrizione in modo tale da far trascinare liti interne che di fatto hanno bloccato l'operatività del parlamentino. Liti che recentemente avevano anche portato una consigliera alle dimissioni dalla commissione interna.

Solo i tre rappresentanti della Lega hanno votato contro la mozione di sfiducia, che quindi è stata approvata a maggioranza.

La precisazione del Pdl della Circoscrizione 2
«Precisiamo che, in sede di discussione della mozione di sfiducia in oggetto, nessuna critica è stata avanzata dai membri del gruppo consiliare del Popolo della Libertà all'operato della Giunta del Comune di Bergamo.

I riferimenti all'azione amministrativa di quest'ultima sono stati necessari al solo fine di evidenziare il prolungato negato inserimento all'ordine del giorno del consiglio circoscrizionale, da parte dello sfiduciato presidente, di tematiche sulle quali riferire all'amministrazione comunale.

Tale atteggiamento ha, quindi, comportato un grave mancato dialogo tra la circoscrizione e l'amministrazione comunale che il gruppo consiliare imputa allo sfiduciato presidente».


L'intervento dei rappresentanti del Pd
«Ieri sera il consiglio della seconda circoscrizione si è riunito per discutere la mozione di sfiducia al presidente Giuseppe Epis presentata dal gruppo consiliare del partito Popolo delle Libertà - Berlusconi per Tentorio.

La mozione è stata approvata con i voti del Pdl, del Pd, della Lista Bruni e, quindi, il presidente Epis è stato sfiduciato. Il Partito democratico sottolinea che con tale votazione è emersa in tutta la sua gravità la frattura da tempo esistente nell'ormai ex maggioranza di centro-destra.

Di fatto è l'epilogo di una gestione della circoscrizione inefficiente e incapace di incontrare i veri bisogni dei cittadini. Il consiglio della circoscrizione 2 è infatti stato monopolizzato in questi ultimi anni dall'elevata rissosità di Pdl e Lega, da infruttuose polemiche e da personalismi esacerbati che di fatto hanno paralizzato l'azione amministrativa della circoscrizione».
Massimiliano Serra - Segretario del Circolo Pd 2
Locatelli - Capogruppo Pd Seconda Circoscrizione

r.clemente

© riproduzione riservata