Giovedì 18 Aprile 2013

Week-end: crolla la temperatura
Tanta pioggia, neve sotto i 1.500

Bergamo passerà dai 25 gradi di giovedì pomeriggio ai 12 di sabato: ed è attesa anche la neve, perfino sotto i 1500 metri di quota. In pianura invece, da venerdì pomeriggio e fino a domenica mattina, pioggia letteralmente a catinelle.

“L'alta pressione ci sta regalando sole e temperature quasi estive, che ci hanno fatto dimenticare il maltempo di marzo e dei primi di aprile, ma attenzione: il tempo è destinato a cambiare drasticamente in meno di 48 ore”.

L'avvertimento è del meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega: “Passeremo di nuovo dalle magliette a maniche corte a giacche e cappotti in una sorta di vera e propria montagna russa della meteo; un estremismo climatico che può capitare in una stagione di mezzo come la primavera. È infatti in arrivo una perturbazione dal Nord Europa, carica di aria fredda, il cui ingresso verrà annunciato dai primi colpi di tuono venerdì sulle regioni Settentrionali. Rovesci e temporali interesseranno dapprima le Alpi per poi estendersi anche su Valpadana e Liguria entro fine giornata; temporali che potranno risultare localmente violenti a carattere di nubifragio, a causa del forte contrasto tra le temperature simil estive di questi giorni e l'aria artica in arrivo”.

“Nel weekend acquazzoni e temporali interesseranno tutta Italia, per la formazione di un vortice ciclonico tra Ligure e Tirreno - prosegue Ferrara di 3bmeteo.com -. I fenomeni potranno risultare intensi al Centrosud, con locali grandinate e raffiche di vento, sebbene non mancheranno anche alcune schiarite. Tanta pioggia pure al Nord, specie sabato, meno diffusa invece domenica, con ritorno della neve sulle Alpi persino sotto i 1500 m, in particolare tra Lombardia, Piemonte e Valle d'Aosta, con anche un metro di neve fresca al di sopra dei 2000 m”.

Le temperature scenderanno anche di 10-15°C al Nord, fino a 5-10°C al Centrosud: passeremo così dai valori attuali sopra media anche di 8-10°C, a temperature sotto le medie al Nord nella giornata di sabato.

Aprile, mese sempre più... pazzerello? Questo mese ha mostrato anche in passato bizzarrie meteo-climatiche da fare impallidire marzo, il mese pazzerello per antonomasia. Se l'aprile più caldo di sempre risale al 2007, con un'anomalia a livello nazionale di +3°C, l'aprile del 2011 viene invece ricordato per le massime da record assoluto registrate al Nord, con 32°C a Milano, Verona, 31°C a Ferrara, Torino, punte di 34°C tra Piemonte e Lombardia.

Come non dimenticare, d'altra parte, le nevicate tardive del 7-8 aprile 2003, che interessarono le adriatiche a tratti fin sulle spiagge dalla Romagna alla Puglia, con temperature massime di soli 6-7°C, al più 12-13°C sulle tirreniche? Ma ricordiamo tutti come andò finire l'estate di quello stesso anno... torrida come non mai.

r.clemente

© riproduzione riservata