Sabato 04 Maggio 2013

Strade, l'estate rovente dei cantieri
Lavori a tappe per limitare i disagi

Si annuncia un'estate rovente, ma il tempo non c'entra. Anzi. Se per il meteo, visto le continue bizze, sarà tutto da vedere, di certo saranno mesi caldi per le strade della città. Sarà un'estate di cantieri, ormai di regola quando le scuole finiscono e la città (in teoria) è più vuota.

Sottoservizi, asfaltature, condutture per teleriscaldamento e banda ultra larga. Di tutto e di più, forse più del consueto, visto che con tutta la pioggia scesa molti lavori per rifare l'asfalto sono rimasti al palo. Palazzo Frizzoni ha preparato un calendario serrato, da qui a metà ottobre.

«Ci siamo messi tutti attorno ad un tavolo per stendere un cronoprogramma che tenesse conto delle esigenze di tutti» spiega l'assessore ai Lavori pubblici Alessio Saltarelli nel corso della presentazione dei cantieri dell'estate.

I tutti sono nell'ordine Comune, A2A, Enel, Uniacque, Telecom e Fastweb. «Tutti con richieste precise e la necessità di rompere le strade. Gli interventi andavano coordinati per non paralizzare la città. È stato un confronto lungo e proficuo». Che alla fine è servito a stendere un piano dettagliato.

«La parte del leone la farà A2A con il teleriscaldamento» annuncia l'assessore. Quest'estate si poseranno altri otto chilometri di tubi. Dove? Via Suardi, via Borgo Palazzo, Longuelo (via Mattioli, via Rossini, via Bellini) e vie San Bernardino-Spino. «Abbiamo suddiviso i lavori ad alto impatto su alcune vie della città in lotti, così da ridurre al minimo le criticità e i disagi» rileva l'assessore.

Si inizia lunedì con via Suardi (cantiere fino a metà agosto), dove si viaggerà su una corsia e i bus dell'Atb faranno un tragitto alternativo. «In Borgo Palazzo i lavori sono stati divisi in tre lotti. L'intervento che potrebbe creare più problemi lo abbiamo concentrato a Ferragosto. Abbiamo previsto anche la chiusura per una settimana degli svincoli del sottopasso che portano alla circonvallazione» spiega Saltarelli.

Leggi di più su L'Eco di sabato 4 maggio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata