Giovedì 29 Ottobre 2009

Provincia senza più soldi
Nemmeno per gli spalatori

Natale magro in Provincia, sperando che non sia in bianco. Le casse di via Tasso piangono, e per l’emergenza neve è stato possibile accantonare solo 450 mila euro. Senza arrivare alla cifra record del 2006 (quando per spargimento sale, spazzamento strade e riparazione buche si spesero 4 milioni di euro), il budget neve si è sempre aggirato sui due milioni: si capisce quindi quanto poco fieno si sia potuto mettere in cascina.

Per gli ultimi due mesi dell’anno l’imperativo è tirare la cinghia, come ha detto giovedì sera in Consiglio provinciale il presidente Ettore Pirovano: «Speriamo che non nevichi abbondantemente come gli inverni scorsi, altrimenti dovremo rinviare i pagamenti all’anno dopo».

Impossibile attingere dal fondo di riserva («Sono rimasti solo 32 mila euro, visto che qualcuno - è il riferimento polemico alla precedente amministrazione - ha prelevato da qui per organizzare una mostra di icone che è costata in tutto 780 mila euro») e tanto meno dare contributi di fine anno: «Sono stati tutti eliminati, a eccezione di 250 euro ai commercianti di via Camozzi per le luminarie. Non potremo dare nessun euro ai Comuni che ne hanno fatto richiesta».

I piccoli spiccioli rimasti - 1,2 milioni di euro - sono stati distribuiti agli assessorati, in particolare alle Politiche sociali, per le necessità più urgenti. E con una delibera d’urgenza della Giunta (approvata dal Consiglio), che sposta risorse da un capitolo di bilancio a un altro, sono stati reperiti 140 mila e 700 euro per le spese di avvocatura del ricorso al Tar contro il Pgt (con previsione di centro commerciale) di Costa Volpino.

Per saperne di più leggi L'Eco in edicola venerdì 30 ottobre

a.ceresoli

© riproduzione riservata