Giovedì 19 Dicembre 2013

Acqua, Villarboito non molla:

«Già pagati più di 50 milioni»

Sempre scottante il tema dell’acqua

Continua l’offensiva del sindaco di Aviatico, Michele Villarboito, sul problema dell’aumento della tariffa dell’acqua. «I cittadini hanno già pagato più di 50 milioni di euro per eseguire le opere, per le quali si chiede ora un nuovo contributo».

Il sindaco ha scritto ai consiglieri provinciali della Provincia di Bergamo, ai sindaci della Provincia di Bergamo, al presidente di Uniacque Spa, all’amministratore delegato di Uniacque Spa e all’Ufficio d’Ambito della Provincia di Bergamo. Ecco la sua lettera.

«Egregi Signori in indirizzo, ho sentito in questi giorni, proprio perché ho partecipato direttamente, una serie di amministratori, consiglieri provinciali e politici prendere posizione sull’aumento della tariffa, affermando che è l’unico modo per eseguire le opere indispensabili per scongiurare le pesanti sanzioni dell’Ue rispetto agli scarichi fuori norma nei corpi d’acqua superficiali».

«A pagina 4 del Bilancio e alle pagine 7/8 della nota integrativa del Bilancio dell’Azienda Speciale (il tutto approvato dal Consiglio Provinciale in data 01/07/2013) troverete la prova documentale che i cittadini bergamaschi hanno, in tutti questi anni, già pagato in bolletta una addizionale specifica proprio per fare queste opere».

«Si tratta, mi sembra di capire, correggetemi se mi sbaglio, di oltre 50 milioni di euro GIA’ RISCOSSI per eseguire le opere. Denaro sonante che l’Azienda Speciale aveva a propria disposizione. Chiedo pertanto in particolare ai consiglieri provinciali, ad Uniacque e ad Ato (prima di decidere di un eventuale aumento per fare gli stessi lavori per cui si sono già riscossi oltre 50 milioni di euro dai cittadini) di poter conoscere ed indicare esattamente quali opere sono state costruite con questa enorme massa di denaro. Oppure quale altra strada ha preso tutta questa ...liquidità».

Arch. Michele Villarboito

Sindaco di Aviatico

© riproduzione riservata