Giovedì 19 Giugno 2014

Beni sequestrati alla Moioli

Si prepara il ricorso al Riesame

Patrizio Mercadante, al centro, accanto a Mariolina Moioli in una foto d'archivio.

Un ricorso davanti al Tribunale del Riesame. È questa la strada che potrebbero percorrere i legali dell’ex assessore alla Famiglia del Comune di Milano Mariolina Moioli e dell’ex dirigente dell’assessorato Patrizio Mercadante dopo il sequestro preventivo di beni per oltre un milione e 400 mila euro di proprietà loro e di altre 12 persone indagate a vario titolo per peculato, finanziamento illecito e truffa nel procedimento con al centro un presunto utilizzo irregolare di fondi pubblici destinati a iniziative per i giovani.

Sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza, tra gli altri beni, la metà dell’appartamento a Bergamo dove vivono Mariolina Moioli e il marito, acquistato nel 1996 per 75 milioni di vecchie lire.

E, inoltre, le quote di una villa di due piani da 12 vani a Cividate del Piano, in provincia di Bergamo. Sigilli anche a un appartamento di tre vani con box a Onore, ad alcuni terreni a Cividate e a un contro corrente con depositati 24 mila euro.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 19 giugno 2014

© riproduzione riservata