Camperisti mangiano nel parcheggio Scatta super multa a Iseo: 150 euro

Camperisti mangiano nel parcheggio
Scatta super multa a Iseo: 150 euro

Rotta puntata sulla sicurezza stradale contro i pericolosi Speedy Gonzales amanti dell’alta velocità, ma da oggi sul lago, anche un «occhio» sulle buone forchette in camper, sui turisti che amano osservare i colori del lago quando somiglia a un quadro dipinto da Claude Monet, magari mentre si assaggia uno spiedino e si degusta un flute di bollicine.

È una inusuale ma legittima contravvenzione quella staccata domenica mattina a Iseo, da parte della polizia locale. La prima nella cittadina lacustre bresciana, un «regalo» da 150 euro assegnato a una famiglia di camperisti, i quali ignari di quanto li attendeva, hanno tranquillamente spento i motori all’interno di un parcheggio comunale di Iseo.

Quindi si sono spinti oltre: hanno estratto gli accessori irrinunciabili del camper - un tavolo e le sedie - e si sono preparati a trascorrere una domenica per lenire il caldo afoso di questi giorni, disceso anche sul lago come una piovra senza pietà. A caccia di aria, pace e serenità. Certamente sapevano che quella della sosta «stanziale» dei camper è da anni motivo di discussione e diversità di vedute un poco ovunque, ma probabilmente mai si sarebbero aspettati di spalancare una via senza ritorno proprio a Iseo. E così questa volta a finire sotto i riflettori è stata la cittadina del Sebino, capitale della ricettività alberghiera sul lago e da sempre roccaforte del turismo anche internazionale.

Una vecchia manifestazione di protesta dei campeggiatori stanziali ad Iseo

Una vecchia manifestazione di protesta dei campeggiatori stanziali ad Iseo

Stavolta, una gran brutta sorpresa. La salata multa di 150 euro, la prima che Iseo abbia compilato nella sua storia a un camperista in relaxing, uno fra i tanti che affollano il lago, ha forse fatto da spartiacque, confermando che ci sarà meno tolleranza. «È un tema noto - ha spiegato il primo cittadino Riccardo Venchiarutti -, non abbiamo nulla contro i camperisti, ma le leggi vanno rispettate».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 9 giugno 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA