Caso Vicky, blitz dopo la sentenza In quattro in cella per tentato omicidio

Caso Vicky, blitz dopo la sentenza
In quattro in cella per tentato omicidio

A ucciderlo è stato il fratello, travolgendo lui e la dottoressa Eleonora Cantamessa con l’auto lanciata a novanta all’ora. Ma, per il medico legale, Baldev Kumar sarebbe morto anche senza l’investimento.

E cioè, in conseguenza alle botte e alle ferite d’arma da taglio che poco prima il clan rivale dei Ram gli aveva inferto in quella tragica serata. Per questo la corte d’assise, condannando Vicky Vicky a 23 anni per il duplice delitto, ha disposto l’apertura di una nuova inchiesta per tentato omicidio a carico del gruppo rivale.

I fratelli indiani Baldev Kumar e Vicky Vicky

I fratelli indiani Baldev Kumar e Vicky Vicky

Una decisione capace di spiazzare il pm Fabio Pelosi, che sulla faida tra i Kumar e i Ram sta concludendo un’inchiesta parallela con 25 indagati. Temendo che la pubblicazione sugli organi di stampa della sentenza (e quindi anche della notizia riguardante l’indagine a carico dei Ram) potesse indurre alla fuga i sospettati, subito dopo la lettura del verdetto il magistrato inquirente si è chiuso nel suo ufficio di piazza Dante e ha disposto d’urgenza un provvedimento di fermo per tentato omicidio a carico di 6 indiani: Ram Dalbir, Ram Sandeep, Ram Pandeep, Ram Rajwinder, Ram Satwinbder e Sing Harjit, detto Soddi, indiano di Montello con la fama di picchiatore mercenario.

Le manette sono scattate giovedì mattina, ma i carabinieri hanno trovato e arrestato solo quattro dei sei ricercati: Ram Pandeep e Ram Sandeep, infatti, risultano fuggiti in India. Gli arrestati saranno interrogati venerdì mattina in carcere dal gip Alberto Viti.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola venerdì 27 marzo 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA