Sabato 08 Febbraio 2014

Celadina e Longuelo senza negozi

75 mila euro a chi vuole aprirli

Il quartiere di Longuelo

Per incentivare l’apertura di nuove attività in zone a rischio desertificazione commerciale, il Comune di Bergamo mette a disposizione 75mila euro (da 10 a 15 mila per ogni imprenditore, per spese strutturali e il canone di affitto).

È il quinto bando in tre anni aperto dall’amministrazione in collaborazione con le associazioni di categoria e i comitati di quartiere, uniti per vivacizzare quelle zone che hanno assistito alla chiusura dei negozi di vicinato. Il bando chiuderà ad aprile «per dare il tempo agli imprenditori di individuare anche il locale, uno dei requisiti per ottenere il finanziamento, che sarà suddiviso in due anni, in modo da monitorare l’andamento del negozio», ha spiegato Enrica Foppa Pedretti, assessore alle Attività produttive del Comune di Bergamo.

Tra le novità, l’introduzione di nuove zone, come la parte alta di via Verdi, Locatelli, Zelasco, San Giovanni e i quartieri di Celadina e Longuelo. È qui che c’è una totale assenza di negozi di alimentari «con 48 attività, ma neanche un minimarket», ha sottolineato Dario Ruggieri, del Comitato di Longuelo, supportato da Lorenzo Carminati, consigliere comunale con delega alle associazioni di via e del commercio.

I contributi non saranno distribuiti a pioggia, avvertono da Palafrizzoni: «Verranno accettate solo proposte serie, come è già stato fatto, con 8 proposte finanziate sulle 40 ricevute». Per info: www.comune.bergamo.it.

© riproduzione riservata