Mercoledì 20 Agosto 2014

Dall’Italia armi al governo iracheno

Fontana: l’Isis va fermato

Gregorio Fontana
(Foto by Cesni)

Via libera dal parlamento italiano per l’invio di armi e materiale strategico al governo iracheno. Lo ha annunciato Gregorio Fontana, deputato bergamasco di Forza Italia, che ha partecipato alla riunione congiunta delle Commissioni Difesa e Affari esteri impegnate nell’audizione dei ministri degli Esteri Federica Mogherini e della Difesa Roberta Pinotti sulla grave situazione nel paese arabo.

«Come era ovvio, non si poteva non registrare il più ampio e convinto consenso delle forze politiche, al di là delle divisioni tra maggioranza e opposizione, sull’iniziativa del Governo italiano volta a sostenere il legittimo governo dell’Iraq con invio di armi e materiale strategico. Il Parlamento oggi ha dato un grande segnale di responsabilità. L’avanzata dell’Isis va assolutamente fermata e gli unici in grado di farlo, al momento, sono i curdi».

A settembre è prevista una sessione speciale del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Uniti per affrontare la questione della minaccia jihadista in Iraq. In quell’ambito, sarà probabilmente disegnata la cornice dell’ulteriore intervento italiano su questo fronte: «In attesa delle decisioni prese dal Consiglio di sicurezza, l’Italia, nel quadro dell’iniziativa europea, deve dare il proprio contributo, in coerenza con la propria tradizione, a ogni iniziativa diretta a evitare disastri umanitari e a fermare chi minaccia stragi e persecuzioni sanguinarie» conclude Fontana.

© riproduzione riservata