Venerdì 08 Agosto 2014

«Tentorio non rispetta gli impegni»

Nomine, botta e risposta a Palafrizzoni

Gori e Tentorio
(Foto by Yuri Colleoni)

«O Tentorio non sa contare o è in malafede». Il sindaco Giorgio Gori replica al suo predecessore Franco Tentorio in merito alle nomine sulle partecipate.

«Nell’indicare i rappresentanti del Comune in seno a enti e società partecipate ho rispettato alla lettera l’impegno - assunto spontaneamente, non dovuto - di assicurare alle minoranze una rappresentanza degli organismi “plurali” (in cui era cioè possibile indicare più di una figura). Quel che ho promesso ho fatto (o sarà fatto, nel caso di organismi di nomina indiretta e per quelli di cui ci occuperemo dopo l’estate), come possono certamente testimoniare gli altri capigruppo delle opposizioni, e chi dice il contrario dice una cosa non vera».

«Respingo pertanto al mittente l’accusa di non aver tenuto fede alla parola data. Qui l’unico che non rispetta gli impegni è Tentorio, che aveva assicurato le dimissioni di Pietro Macconi dal Cda di Sacbo dopo le elezioni. Invece Macconi è ancora lì, incollato alla poltrona, a impedire un’adeguata rappresentanza dell’amministrazione comunale nel Cda della società aeroportuale».

«Ecco perché la disponibilità di alcune posizioni “aggiuntive” (rispetto all’impegno espresso in Consiglio Comunale), richiestami da Tentorio per “facilitare” le pur doverose dimissioni di Macconi, è stata – questa sì – ritirata dopo le sprezzanti dichiarazioni di quest’ultimo. A tale riguardo è noto che il Pd avrebbe voluto – non senza ragione – che l’intero assetto delle nomine fosse rimesso in discussione. Ho ritenuto invece di confermare l’impegno che avevo spontaneamente assunto verso la minoranza. Vedo purtroppo che questa scelta non viene però apprezzata dal consigliere Tentorio e che si tende, anzi, a mistificare la realtà. Ne terrò conto nelle prossime occasioni».

© riproduzione riservata