Enel: niente allacciamento dopo 18 mesi Costretta a usare la corrente del padre

Enel: niente allacciamento dopo 18 mesi
Costretta a usare la corrente del padre

Per poter vivere ha dovuto allacciare l’impianto al contatore del padre. L’odissea per avere la corrente in casa dura da 18 mesi.

Protagonista suo malgrado una 26enne, residente a Camerata Cornello: non sa ormai più a che santo votarsi. Le ha veramente provate tutte. Ma ora Enel si scusa e assicura che a breve si procederà.

Nell’agosto 2013 la giovane aveva fatto la richiesta a Enel di allacciamento all’energia elettrica della sua nuova abitazione. Nel settembre si è sposata e quindi è entrata nella sua nuova casa. Ma da allora, sono è trascorso un anno e mezzo, il contratto con Enel e l’allacciamento non sono ancora andati a buon fine.

Un contatore dell'Enel

Un contatore dell'Enel

E questo dopo decine e decine di telefonate al centralino di Enel, controlli, verifiche di documenti e visite personali all’Enel di Bergamo. Niente, la pratica è ferma a Potenza, sollecitata e risollecitata inutilmente affinché un tecnico esca e compia l’allacciamento. Il motivo? Per ora un mistero.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 7 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA