Mercoledì 28 Maggio 2014

I grillini: liberi al ballottaggio

In aula uniti all’opposizione

Da sinistra, Marcello Zenoni e il suo portavoce Claudio Bonetalli

Marcello Zenoni, ribadendo che non saranno date indicazioni sul voto ai propri «simpatizzanti», annuncia: «Spero che dai candidati arrivino dichiarazioni inerenti al nostro programma, se ci spendono sopra qualche considerazione sarebbe meglio».

È su questo che i votanti del Movimento potranno fare, singolarmente, le proprie considerazioni personali.

Di certo, comunque, nei prossimi giorni gli «interni» dei 5 Stelle si incontreranno per valutare sia il risultato delle urne (che ha superato l’8%) che per discutere del ballottaggio.

In un mondo dove uno vale uno non possono che registrarsi idee differenti sul voto ma «vogliamo evitare che si facciano scelte di pancia – ha affermato Zenoni – discuteremo dei programmi dei due candidati, perché poi ci troveremo in aula a fare opposizione a uno di loro».

Non è però certo che i grillini decideranno di recarsi alle urne l’8 giugno. Intanto, fino a martedì sera, i 5 Stelle non hanno ricevuto nessun tipo di «invito» dai due schieramenti.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 28 maggio

© riproduzione riservata