Martedì 21 Gennaio 2014

Incidenti, chi ne causa di più?

L’indagine: «Medici e infermieri»

Se il decreto Destinazione Italia ha messo in cantiere una serie di iniziative volte a ridurre i premi assicurativi, per molti automobilisti della Lombardia l’anno nuovo si apre all’insegna dei rincari: secondo le rilevazioni del portale Facile.it più di 250.000 cittadini lombardi, vale a dire il 4,3% degli assicurati della regione, essendo stati ritenuti responsabili di un sinistro avvenuto nel corso dell’ultimo anno, dovranno pagare un premio assicurativo più elevato.

Tra le regioni italiane la Lombardia si è classificata al quinto posto nella graduatoria per numero di automobilisti che vedranno peggiorare la propria classe di merito.

È qui, del resto, che si concentra il 20% degli italiani che subiranno un aumento del proprio premio. Andando a scorrere i dati nel dettaglio, la provincia in cui gli assicurati hanno denunciato con maggiore frequenza incidenti con colpa è stata quella di Monza e Brianza (5,68%), ben al di sopra della media regionale, seguita da Lecco (4,91%) e Varese (4,89%). Bergamo è a metà classifica: 4,07%.

Decisamente più virtuosi gli assicurati residenti nella provincia di Lodi dove la media si ferma al 2,09%. Con il 4% Milano si è dimostrata in linea con le medie della regione.

Una curiosità che riguarda l’aspetto sociale di questa indagine è rappresentata dalla professione di chi ha denunciato: nel 2013 in Lombardia a dichiarare un numero maggiore di incidenti con colpa sono stati i medici e infermieri (7,58%). Le più diligenti risultano essere le casalinghe: tra loro solo il 3,85% vedrà peggiorare la propria classe di merito.

Ecco di seguito le 12 provincie lombarde con le rispettive percentuali di automobilisti che, in seguito a incidenti con attribuzione di colpa a proprio carico, subiranno un aumento della polizza:

Monza Brianza 5,68%

Lecco 4,91%

Varese 4,89%

Como 4,70%

Brescia 4,59%

Mantova 4,10%

Bergamo 4,07%

Milano 4,00%

Pavia 3,85%

Cremona 3,16%

Sondrio 3,16%

Lodi 2,90%

© riproduzione riservata