Lunedì 23 Giugno 2014

«La madre di Bossetti sapeva tutto»

I sospetti sul figlio. E una telefonata

In un fermo immagine tratto da un video della polizia il 16 giugno 2014 le fasi del fermo di Massimo Giuseppe Bossetti

«Sapeva tutto e ne avevano anche parlato. Ester, la madre di Massimo Giuseppe Bossetti aveva capito perfettamente che il Dna trovato sul corpo di Yara Gambirasio era del figlio Massimo Giuseppe». Lo scrive Tgcom24, secondo il quale il «segreto rischiava di venire fuori da un momento all’altro e per questo si era confrontata con il figlio sulle cose da fare».

L’inviato di News Mediaset Enrico Fedocci - si legge sul sito - ha raccolto le indiscrezioni di un investigatore, che «chiariscono i motivi per cui le forze dell’ordine sono arrivate a Massimo così a colpo sicuro. Subito dopo avere ottenuto la conferma che la madre di Ignoto Uno era Ester, gli inquirenti l’hanno “provocata” facendole sapere che si era scoperto della sua relazione con Guerinoni nel 1969».

I telefoni della famiglia erano tutti sotto intercettazione. «Da una conversazione tra madre e figlio Massimo - prosegue Tgcom24 - si è capito che era lui l’uomo su cui puntare. Infatti, il profilo tracciato dai genetisti analizzando il Dna era di un uomo tra i 40 e i 45 anni. Massimo ne ha quasi 44’ il fratello 39. Entrambi erano sospettabili. Quando gli investigatori hanno capito che Massimo Giuseppe Bossetti sapeva che stavano per arrivare a lui lo hanno fermato, a questo punto il magistrato ha chiesto la custodia cautelare in carcere».

© riproduzione riservata