Giovedì 29 Maggio 2014

Lo sciopero: «Il treno è soppresso

Ma sul cartellone neanche una info»

«È vero dovrebbe essere impegno dei viaggiatori informarsi, ma quanti viaggiatori “occasionali” sanno che se la fascia di garanzia è fino alle 9 l’ultimo treno per Milano è alle 8.02?». È stata un’altra giornata difficile per i pendolari bergamaschi, costretti a prendere il pullman.

«Oggi c’è sciopero di Trenord.

Arrivo, come molti altri compagni di sventura pendolari e no, in stazione di Bergamo alle 8.15 per prendere il treno delle 8.32 che ho preso molto spesso in occasioni simili.

Sul tabellone appaiono molti treni, ma quello delle 8.32 non c’è: non è segnalato in partenza, non è segnalato soppresso, come si può vedere dalla foto allegata (anche se non di buona qualità).

Assistenza clienti? Non pervenuta.

In biglietteria, dove c’è un solo sportello aperto, dopo quasi 10 minuti di coda, mi dicono di andare all’ufficio movimento.

Mi reco all’ufficio movimento lungo il percorso a ostacoli della nuova stazione insieme ad altri clienti Trenord: lì alcuni dirigenti ci accolgono sghignazzando e ci dicono che il treno è soppresso.

Quando chiediamo perché non è segnalato come soppresso sui tabelloni e perché non è stato fatto un annuncio, sempre ridendo ci dicono che c’è sciopero e quindi il treno è soppresso ed è colpa nostra se non lo sappiamo.

Così andiamo a prendere l’autobus per Milano avendone persi 2 per colpa dei mancati annunci e arrivo a Milano con un’ora e mezzo di ritardo.

È vero dovrebbe essere impegno dei viaggiatori informarsi, ma quanti viaggiatori “occasionali” sanno che se la fascia di garanzia è fino alle 9 l’ultimo treno per Milano è alle 8.02?

E poi: perché gli altri treni erano regolarmente segnalati come soppressi e di questo treno nessuna traccia?

E ancora: l’assistenza ai clienti dov’è quando serve?

Ringrazio Trenord e Rfi per gli ulteriori 90 minuti di tempo perso che sia aggiungono agli altri 60 solo di questa settimana per i ritardi quotidiani dei treni da e per Milano».

Salvatore Vassallo del Comitato pendolari bergamaschi

© riproduzione riservata