Giovedì 08 Maggio 2014

Lovere, nessun attacco di hacker

Il Comune... non vende viagra

Il sito del Comune di Lovere

Nessun attacco hacker, il sito del Comune di Lovere funziona correttamente. La conferma arriva direttamente dai responsabili dell’Amministrazione che intervengono in seguito ad alcune segnalazioni di cittadini e alla pubblicazione di post sul social network Facebook relativi al possibile hackeraggio del sito internet istituzionale del Comune di Lovere www.comune.lovere.bg.it,

«L’Amministrazione comunale - si legge in un comunicato- precisa quanto segue:

•digitando il link http://www.comune.lovere.bg.it l’accesso al sito comunale avviene correttamente;

•cercando “Comune di Lovere” sul motore di ricerca Google, al primo risultato visualizzato sino al tardo pomeriggio era associata una dicitura in lingua inglese relativa alla vendita on line di viagra; posizionandosi sopra con il mouse senza cliccare, tuttavia, si intuiva chiaramente che detta frase non puntava al sito www.comune.lovere.bg.it, bensì a un link diverso.

Il link, a sua volta, ridirigeva al sito del Comune di Lovere senza accedere ad alcun portale di vendita di viagra;

•digitando “Comune di Lovere” su altri motori di ricerca (Yahoo, Bing ecc.), invece, veniva (e viene tuttora) visualizzata in modo corretto una frase di presentazione del portale simile alla seguente: “Albo pretorio e biblioteca, notizie e servizi al cittadino proposti dall’amministrazione comunale oltre ad informazioni su risorse turistiche ed associazioni”.

L’Amministrazione comunale ha chiesto con prontezza a Google di rimuovere il link in oggetto, link che nel tardo pomeriggio è stato eliminato in modo definitivo dal web.

Il nuovo sito internet comunale, in conclusione, sino dalla sua messa on line nell’aprile del 2013 è sempre stato raggiungibile ed ha sempre funzionato correttamente. In questi mesi, il portale ha consentito ad un numero crescente di utenti di ricercare e ottenere informazioni in modo più semplice e immediato grazie ad una veste grafica completamente rinnovata, ad una organizzazione dei contenuti e dei servizi più funzionale e ad un preciso rispetto delle indicazioni ministeriali in tema di “Democrazia digitale”, che gli ha consentito di essere inserito in vetta alla classifica dei portali web istituzionali più “trasparenti” d’Italia».

© riproduzione riservata