Venerdì 03 Gennaio 2014

Oriocenter, l’Iper dimezzato

Nuovi negozi al secondo piano

Chiuso il secondo piano dell’Iper a Oriocenter
(Foto by Colleoni)

Doveva essere una ordinaria mattina di shopping quella di giovedì 2 gennaio a Oriocenter, con i saldi in avvicinamento e i negozi che cominciano a ribassare i prezzi. Mattina cominciata presto, per evitare il pienone, che ha cominciato a percepirsi verso le 11. Non una sorpresa: era prevedibile.

La sorpresa, invece, sempre verso quell’ora, si materializza con una serie di saracinesche inaspettatamente chiuse.Sono quelle dell’Iper, al secondo piano del Centro. Più di una persona, dopo ripetuti giri di negozi nella galleria commerciale, arriva all’ingresso dell’Iper, al piano dove ci sono (c’erano) elettrodomestici, articoli di elettronica, casalinghi e tante altre cose. Niente da fare. «Chiuso per inventario», si legge su un cartello.

Un disagio inatteso, ma comprensibile, viene da pensare. «Sono sempre aperti, c’è stata la chiusura dell’anno... bisognerà pure fare l’inventario... Peccato». Poi però un’altra sorpresa: al piano di sotto l’Iper è regolarmente aperto. Un po’ in subbuglio per l’evidente riordino di scaffali, ma pronto come sempre ad accogliere i tanti clienti che sanno di trovare, nello store, più o meno tutto quello che cercano. Quello però che non si trova più sono le rampe mobili per salire al piano superiore: sono state smontate e così i due piani non comunicano più.

L’Iper, in sostanza, si dimezza. Non per quanto riguarda l’offerta merceologica, ma proprio per lo spazio commerciale che forse risultava troppo grande per le esigenze attuali. E sopra? Nuovi negozi arriveranno a breve, probabilmente. Si parla di grandi marche di abbigliamento, ma non ci sono conferme. Di certo non resteranno le saracinesche abbassate: la galleria di Orio Center cambierà pelle, guardando avanti e rilanciando con nuove attività. Nuove attività che vorranno dire, con ogni probabilità, assunzioni e nuove opportunità di lavoro, in un momento che ne ha forte bisogno.

© riproduzione riservata