Mercoledì 15 Gennaio 2014

Parcheggi in stazione quasi pronti

Malpensata, la sosta resterà gratis

Il parcheggio della Malpensata

Non ci sta più uno spillo nel parcheggio della Malpensata. Dove ti giri c’è un’auto, spazi consentiti e non. Anche il passaggio pedonale, che corre lungo via Carnovali, delimitato da una striscia bianca, quasi non si vede più, coperto da una sfilza di mezzi. Tutti in rigoroso divieto.

È una mattina di ordinario caos nel piazzale del mercato, circa 250 posti auto liberi e gratis che sono manna dal cielo per lavoratori e pendolari. Parcheggio di interscambio, recita il Piano urbano del traffico che fa due conti e tra la Malpensata e la zona di via Carnovali mette a disposizione 390 posti auto con le strisce bianche. Tutti stabilmente occupati, fin dalle prime luci dell’alba, da chi si deve recare in stazione per prendere il treno o da chi lavora in centro città. Basta uno sguardo nelle vie lungo la ferrovia e in zona Malpensata per rendersi conto che i parcheggi liberi sono tutti occupati e lo sono dal primo mattino fino al tardo pomeriggio/sera.

Sono parcheggi occupati in prevalenza dai pendolari. Ma all’orizzonte ci sono novità sul fronte parcheggi. Presto infatti entreranno in funzione i due nuovi parking realizzati a ridosso della stazione: il multipiano alle Autolinee (150 posti) praticamente pronto (dovrebbe entrare in funzione nel giro di qualche mese) e l’altro a raso, da 124 posti, passato lunedì sera in Consiglio comunale per l’approvazione della variante urbanistica. Tutti e due – nelle intenzioni del Comune – dovrebbero servire il polo intermodale, chi si reca in centro, ma ovviamente anche chi prende il treno. Tanto che Atb predisporrà abbonamenti ad hoc, integrati per chi ha l’abbonamento per i diversi sistemi di trasporto.

Resta dunque da capire cosa succederà al piazzale della Malpensata quando i due parcheggi saranno belli e funzionanti. «Resterà area di sosta libera, nessuno si sogna di cambiarne l’assetto» spiega l’assessore alla Viabilità Gianfranco Ceci, liberando il campo da qualche legittimo dubbio.

© riproduzione riservata