Martedì 03 Giugno 2014

Processo Ganzer, le motivazioni

«Presunzione o superbia di corpo»

Giampaolo Ganzer

L’ex comandante del Ros Giampaolo Ganzer e «i militari del Nucleo di Bergamo» hanno «agito» per una sorta di «presunzione o superbia di corpo, se così si può dire, di “fuoco sacro”» che li ha portati a muoversi «con spregiudicatezza e indifferenza rispetto ai limiti».

Lo scrive la Corte d’Appello nelle motivazioni della sentenza con cui ha ridotto drasticamente le pene per gli imputati, portando quella di Ganzer da 14 anni a 4 anni e 11 mesi nel processo su presunte irregolarità in operazioni antidroga.

© riproduzione riservata