Martedì 26 Novembre 2013

Promosso il cinema bergamasco

In arrivo i fondi regionali

Un frame di un documentario all’Orobie Film Festival

L’Orobie Film festival, il Bergamo Film Meeting e il Festival internazionale del cine a d’arte di Bergamo. Ecco i progetti che saranno promossi con fondi regionali «Alla cultura assegniamo i contributi che merita e che, per gli eventi di promozione sul territorio, quest’anno abbiamo aumentato da 400.000 a 900.000 euro, a dimostrazione dell’attenzione della Giunta alle iniziative delle nostre comunità». Lo afferma Cristina Cappellini, assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, commentando il riparto dei fondi relativi al bando di promozione educativa e culturale della legge 9.

«Questi fondi - ricorda l’assessore - erano stati notevolmente incrementati nello scorso luglio, in sede di assestamento di Bilancio. Un’azione che aveva rimarcato l’attenzione di Regione Lombardia alle proposte culturali dei territori».

Diviso in tre linee di azione, il bando, chiuso il 30 settembre, ha raccolto numerose adesioni. Nella linea A1 rientravano i progetti di rilevanza regionale, nella linea A2 quelli di valorizzazione delle identità culturali locali e, nella A3, le proposte per l’integrazione europea.

«Abbiamo finanziato - spiega l’assessore - 36 dei 68 bandi della linea A1, con un contributo di 480.000 euro; 49 su 69 nella A2, investendo 160.000 euro; 260.000 euro per le proposte della linea A3, dove abbiamo sostenuto 25 delle 47 proposte avanzate».

«Nell’ambito della linea A1 - dice l’assessore - finanziamo, tra le altre, le proposte del Fai, dei Navigli Lombardi scarl, la Cremona liutaria patrimonio dell’Unesco, il Festival del teatro dell’Insubria, il Palio di Legnano, il Premio Chiara di Varese, il museo diffuso del Ma.Ga di Gallarate e il Circuito teatrale per Expo di Brescia». «Rientrano invece tra i finanziamenti della linea A2 - continua l’assessore - quelli che assegniamo al Festival della Valle dell’Oglio a Brescia, l’Orobie film festival, il progetto “Giuseppe Verdi uomo del suo tempo, artista di tutti i tempi’” di Pavia, “Luoghi e voci della tradizione” di Lecco e la mostra mercato di Bienno».

«Per i progetti di valenza europea - rimarca l’assessore - lo Stradivari festival di Cremona e il milanese “Global art programme-Waiting for Expo” di Milano brillano per i fondi ottenuti, ma sono da segnalare anche il Festival olografico europeo di Castellanza, la “Liuteria e suono” di Salò, il premio letterario Acerbi di Castel Goffredo, il Bergamo film meeting e il Festival internazionale del cinema d’arte di Bergamo».

«L’alto numero delle proposte pervenute e ancora di più la qualità - afferma l’assessore - dimostrano la vitalità e la vivacità delle culture lombarde, la capacità di saper proporre sempre novità e percorsi culturalmente qualificati e qualificanti». «Regione Lombardia - conclude l’assessore Cappellini - investe decisamente sulla cultura, perché, come dice il presidente Maroni, è una leva anti crisi e i progetti cui assegniamo i nostri fondi confermano che stiamo sostenendo un settore, che ci consente di promuovere i nostri territori a livello nazionale e internazionale con una vetrina di assoluta eccellenza».

© riproduzione riservata