Giovedì 13 Marzo 2014

Treviglio, rogo innescato dal computer

L’ustionato ricoverato a Pisa: gravissimo

I vigili del fuoco in azione a Treviglio
(Foto by Cesni Foto)

Un 48enne di Treviglio - Paolo Merati - è rimasto gravemente ustionato nell’incendio del suo appartamento, avvenuto questa mattina - giovedì - nella cittadina della Bassa Bergamasca.

L’incendio è scoppiato attorno alle 5 nella casa dell’uomo, al primo piano di una palazzina residenziale. Il cinquantenne è riuscito a chiedere aiuto ai vicini, ma le sue condizioni sono molto gravi . L’uomo, infatti, è stato completamente avvolto dalle fiamme.

Sul posto sono intervenuti i mezzi del 118, i vigili del fuoco di Treviglio e Bergamo e i carabinieri di Treviglio. Il ferito è stato portato d’urgenza al «Centro grandi ustionati» di Pisa.

I vigili del fuoco stanno cercando di capire la causa del rogo, che sembrerebbe accidentale e dovuta a un cortocircuito.

Il primo a soccorrere il 50enne è stato un vicino di casa, che gli ha buttato addosso dell’acqua e lo ha avvolto in una coperta, per poi chiamare il 118. Per precauzione, durante le delicate operazioni di spegnimento dell’incendio, la palazzina è stata interamente evacuata: una decina di famiglie sono scese in strada e sono potute rientrare solamente in mattinata, dopo che i pompieri hanno accertato che l’edificio non ha subito danni strutturali.

Dai primi rilievi sembra che il rogo possa essere partito da un computer vicino al divano su cui il 48enne stava riposando: un corto circuito deve aver fatto scaturire le fiamme, che hanno rapidamente avvolto i mobili dell’appartamento.

Solo quando le fiamme lo avevano già colpito e l’aria si era fatta irrespirabile, Merati si è svegliato cercando di spegnere il fuoco che ormai lo aveva praticamente avvolto.

L’uomo è riuscito ad aprire la porta della sua abitazione ed è uscito sul pianerottolo sul quale si affacciano altre due abitazioni. Qui ha trovato la forza per chiedere aiuto, lasciandosi poi cadere sul pavimento. I vigili dl fuoco hanno evitato che le fiamme potessero interessare gli altri appartamenti, facendo evacuare l’edificio durante le operazioni, durate un paio di ore.

Leggi di più su L’Eco in edicola venerdì 14 marzo

© riproduzione riservata