Giovedì 19 Dicembre 2013

Slot: sabato la raccolta delle firme

Serve una legge a tutela della salute

Slot machine

Federconsumatori apprezza e condivide l’iniziativa presa dall’Amministrazione comunale di Bergamo per prevenire la malattia causata dal gioco d’azzardo.

«Anche noi siamo testimoni di situazioni drammatiche causate dalla perdita della facoltà di distinguere tra la realtà e l’illusoria convinzione di potere risolvere i propri problemi “giocando” contro avversari che sono e saranno sempre vincenti. Sino alla dissipazione del patrimonio familiare (con le conseguenze che ognuno può immaginare)».

«Per sconfiggere la”dipendenza” dal gioco d’azzardo, invitiamo i cittadini a firmare sabato 21 dicembre dalle 9 alle 19,30 davanti a Palazzo Frizzoni*, dove sarà presente un gazebo del Comune presidiato da assessori e consiglieri della città per la raccolta delle firme d’adesione alla Proposta di legge di iniziativa popolare «Tutela della salute degli individui tramite il riordino delle norme vigenti in materia di giochi con vincite in denaro-giochi d’azzardo».

«La raccolta firme si prefigge di invitare il Parlamento a limitare la diffusione incontrollata di tale attività, peraltro già ampiamente rappresentata nella nostra provincia, e limitare altresì il conseguente aumento delle malattie collegate, oltre alle infiltrazioni malavitose in alcuni casi connesse».

La proposta di legge si richiama a 5 principali obiettivi, che sono:

1. Tutela della salute degli individui

2. Poteri ai Comuni

3. Contrasto reale alle illegalità - tracciabilità dei flussi finanziari

4. Identificazione dei luoghi del gioco e caratteristiche

5. Recupero dei finanziamenti necessari per cure, prevenzione e ricerca sul gioco d’azzardo patologico

La proposta di legge a cura di Legaautonomie, risulta essere in conformità con l’adesione del Comune di Bergamo al Manifesto dei Sindaci, al quale hanno aderito ad oggi 400 comuni italiani.

Federconsumatori Bergamo

*Il Comune si attiverà per facilitare la raccolta firme anche presso le Circoscrizioni cittadine

© riproduzione riservata