Martedì 22 Aprile 2014

Tentorio contro i tifosi violenti:

«Da individuare, chiederò i danni»

La violenza degli ultrà
(Foto by Beppe Bedolis)

Scontri di Atalanta-Verona, ecco le reazioni dei candidati sindaco. All’indomani degli incidenti avvenuti in occasione della partita Atalanta-Verona, i candidati alle prossime elezioni amministrative prendono posizione contro il tifo violento.

Per il sindaco uscente Franco Tentorio «gli incidenti di sabato rappresentano un fatto gravissimo, sono molto dispiaciuto che alcune decine di bergamaschi abbiano usato la violenza compromettendo l’immagine dell’Atalanta e della città. Ci tengo a ringraziare le forze dell’ordine e i vigili urbani che anche in condizioni difficili come queste hanno saputo dar prova di grande professionalità. Auspico infine che i responsabili vengano trovati al più presto ed è mia intenzione chieder loro i danni».

Anche Giorgio Gori, candidato sindaco del centrosinistra, condanna le violenze compiute da una frangia degli ultras atalantini: «Sono molto dispiaciuto per gli episodi di sabato, quando poche decine di ultrà sono tornate a turbare un pomeriggio di tranquilla passione sportiva: guai, però, a confonderli con la sana e pacifica tifoseria atalantina. La ristrutturazione dell’impianto servirà anche ad assicurare dispositivi di sicurezza ancora più efficaci».

Marcello Zenoni, candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, punta invece sulle soluzioni all’inglese per contrastare il tifo violento: «Stigmatizziamo senza ombra di dubbio l’inciviltà di alcuni tifosi. Occorre il supporto delle leggi nazionali per contrastare questo fenomeno, Perché la città deve subire una continua militarizzazione? Occorrerebbero misure all’inglese, la nostra condanna è senza se e senza ma».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 22 aprile

© riproduzione riservata