Giovedì 07 Novembre 2013

«Troppi passaggi a livello

e scarsa manutenzione»

L'ambulanza travolta da un treno all'altezza del passaggio a livello di Pontida. Ansa/Paolo Magni

Ecco le dichiarazioni di Dario Balotta, segretario regionale di Legambiente sul tragico incidente di Pontida.

«Spostare le risorse dall’Alta velocità alla rete tradizionale

I continui tagli agli organici di Rfi (gruppo fs), agli investimenti per il rinnovo tecnologico dei passaggi a livello ed i ritardi del piano di soppressione dei passaggi a livello potrebbero essere le cause del grave incidente odierno a Pontida (Bg). Di certo c’è la parossistica concentrazione delle risorse solo per le linee ad Alta Velocità, che lasciano la rete tradizionale priva degli organici necessari per una efficiente manutenzione e per un adeguato rinnovo tencologico degli impianti ferroviari. Con 923 passaggi a livello (uno ogni 1,7km di linea) sui 1.570 km di rete lombarda gestita da RFI, è difficile garantire, con scarse risorse la sicurezza e la regolarità della marcia dei treni. Andrebbe anche accertato se treno di Trenord coinvolto nell’incidente era o meno scaduto di revisione. Mentre ci sarebbe bisogno di un rilancio del trasporto pubblico locale per ridurre l’inquinamento dell’aria, ridurre il traffico e l’incidentalità stradale dobbiamo invece registrare un gravissimo incidente ferroviario dove hanno perso la vita tre incolpevoli persone».

© riproduzione riservata