Sabato 09 Aprile 2011

Meier inaugura «Mutated panels»
Prodotti-prodigio dell'Italcementi

L'architetto di fama mondiale Richard Meier ha inaugurato sabato 9 aprile «Mutated Panels», un'installazione realizzata con i più recenti prodotti messi a punto dai laboratori Italcementi, che parteciperà alla Settimana milanese della Moda, in programma a partire da lunedì prossimo.

Meier, in Italia anche per visitare lo stato di avanzamento dei lavori di I.lab, il nuovo Centro Ricerca e Innovazione del Gruppo Italcementi che sorgerà a partire dal prossimo autunno nel Parco Scientifico Kilometro Rosso di Bergamo, ha voluto esaltare in particolare i materiali messi a disposizione da Italcementi sia per I.lab che per Mutated Panel.

«Tx Active, in particolare, è un cemento foto catalitico mangia smog che tra l'altro è in grado di autopulirsi. Un materiale eccezionale sia da utilizzare, sia da toccare - ha commentato Meier -. L'altra grande novità è i.light, il cosiddetto cemento trasparente, particolarmente indicato per giocare con la luce. Conto di utilizzare in futuro questi materiali, che vorrei tanto aver inventato io, soprattutto negli Stati Uniti, dove bellezza e sensibilità ambientale hanno molto successo».

Carlo Pesenti, consigliere delegato del gruppo Italcementi, ha voluto invece esaltare l'esperienza dell'I.lab disegnato dallo stesso Meier: «Oltre alla sua bellezza architettonica e al fatto che racchiuda in sé il meglio delle tecnologie green, questo laboratorio sarà importante perché ospiterà i migliori talenti italiani nel campo della ricerca e dell'innovazione tecnologica nel nostro campo e permetterà loro di lavorare al meglio - ha commentato Pesenti -. Mi auguro che questo laboratorio sia da stimolo a tutto il mondo della committenza affinchè si spinga tutti insieme nell'utilizzo di soluzioni innovative, ecocompatibili e sostenibili».

Gli aspetti innovativi di I.lab sono infatti la sostenibilità dell'edificio, l'eccellenza nelle modalità di costruzione e la qualità architettonica. Pannelli solari termici, pannelli fotovoltaici per la produzione di energia pulita e un sistema di climatizzazione geotermico garantiranno un risparmio energetico del 60% rispetto alle normative in vigore.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata