Lunedì 08 Agosto 2011

Il Creberg lancia KDue White
la carta prepagata con Iban

A distanza di un anno dal lancio della carta conto del Credito Bergamasco, il mondo KDue si arricchisce con KDue White, la carta prepagata ricaricabile con Iban, dalle funzionalità light. Si tratta di una carta nominativa che si propone come strumento agile e leggero per la gestione delle spese, ideale per l'uso in vacanza e all'estero, come anche per gli acquisti on-line in tutta tranquillità.

Pensata soprattutto per studenti e giovani, anche privi di un conto corrente, KDue White - spiega un comunicato - è in realtà adatta a tutti coloro in cerca di una carta sicura, versatile ed economica, ricaricabile a distanza e in tempo reale. Il circuito Mastercard, inoltre, gli conferisce il massimo livello di spendibilità.

La carta ha una capienza massima di 3.000 euro ed è ricaricabile in filiale, presso gli sportelli Atm aderenti al circuito QuiMultiBanca e tramite bonifico da altra banca italiana, grazie al codice Iban individuale associato alla carta stessa.

A disposizione del cliente ci sono inoltre tutti i servizi di banca multicanale che permettono – oltre al monitoraggio di saldo e movimenti - anche la ricarica by Web e by Call. La possibilità di ricarica tramite bonifico fa di KDue White una carta prepagata evoluta: infatti la volontà è stata quella di arricchire le caratteristiche di una prepagata tradizionale con altri servizi, come per esempio la personalizzazione autonoma dei limiti di utilizzo, il servizio Web Safe per la sicurezza online e, ancora, la tecnologia contacless PayPass di MasterCard che permette di utilizzare la carta per pagare piccoli importi senza passarla nel Pos, digitare codici né firmare ricevute, ma semplicemente avvicinandola a particolari Pos abilitati.

Inoltre la carta può essere utilizzata per prelevare in tutto il mondo presso gli Atm convenzionati con MasterCard. KDue è a disposizione in tutte le filiali del Gruppo Banco Popolare. Per ulteriori informazioni: www.cartak2.it/white/index.html

r.clemente

© riproduzione riservata