Lunedì 16 Gennaio 2012

Controversie individuali, il lavoro Cgil
Recuperati 6 milioni per 2.500 lavoratori

Anche quest'anno i dati dell'attività dell'Ufficio Vertenze della Cgil di Bergamo forniscono un'ottima lente per leggere l'andamento della crisi a livello provinciale. In questo caso non si tratta di licenziamenti collettivi, né di richieste di cassa integrazione a raffica, ma di controversie individuali, che hanno coinvolto lavoratori di piccole e grandi industrie ma anche di imprese artigiane e cooperative, licenziati individualmente in vicende dove spesso gli ammortizzatori sociali non si possono neppure utilizzare.

«Per il 4° anno consecutivo registriamo un incremento delle nostre attività» spiega Carmelo Ilardo, responsabile dell'Ufficio, che con la lente del «vertenziere» ha riordinato e analizzato i dati. «Il lavoro dei nostri 7 funzionari nel 2011 ha consentito di far recuperare a circa 2.500 lavoratori oltre sei milioni di euro di spettanze per mancati pagamenti e per diritti al risarcimento oltre al riconoscimento dei diritti lesi, o nell'ambito di procedure concorsuali (fallimenti, concordati, attivazione fondi garanzia ecc…)».

«A risultare evidente è la prevalenza delle vertenze legate al mancato pagamento di retribuzioni e Tfr rispetto agli altri motivi per cui si decide di agire legalmente. La crisi, dunque, si è manifestata con molta forza sotto le forme dei mancati pagamenti delle retribuzioni e delle liquidazioni».

«Va evidenziato, inoltre, che rispetto al passato è cresciuto il numero delle vertenze contro l'illegittimità delle varie forme contrattuali a termine, incremento che, in qualche maniera, ci ripaga di numerose campagne di informazione che abbiamo svolto tra i lavoratori atipici».

«Una terza considerazione si può formulare sulla maggiore propensione delle donne nell'aprire vertenze individuali rispetto agli anni passati: nel 2011 la loro presenza è aumentata anche se, secondo noi, resta al di sotto della realtà del mercato del lavoro nella nostra provincia».

«A rivolgersi all'Ufficio Vertenze della Cgil sono, oggi (e in realtà a partire dal 2009) soprattutto lavoratori uomini di nazionalità italiana, operai con contratti a tempo indeterminato. All'inizio della crisi non era cosi: si tenga conto che nel 2008 il 51,1% di chi arrivava nei nostri uffici era straniero. Oggi il 72% è italiano. Temiamo seriamente per il 2012, l'aria che tira per i lavoratori, in queste prime settimane dell'anno, è davvero "cattiva"».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata