Domenica 19 Agosto 2012

Biodiversità, Bergamo
scopre il fagiolo del Tone

Anche Bergamo scende in campo per le biodiversità. E si lancia sui fagioli. Di fagioli, infatti, ne esistono di vari tipi, ma non sono molti i bergamaschi che conoscono il «fagiolo del Tone», nato sul nostro territorio. E nello specifico in Valle Seriana.

Il «Fagiolo del Tone» è una ri-scoperta partita in concreto da Fiorano. Un socio di Civiltà Contadina, Michele Ghirardelli, ha ricevuto il seme di questo fagiolo da Pedro Bondanini, nipote di Antonio Ghilardini (dal quale è partito tutto e che in paese era conosciuto come Tone).

Dopo averlo coltivato nel suo orto, Ghirardelli ha cominciato a farlo girare nell'associazione per diffonderlo. «In realtà la scoperta di questo fagiolo - sottolinea il nipote di Tone, il 25enne Pedro Bondanini - si deve a mio nonno materno. La cosa è accaduta ben prima che nascessi e credo che il nonno ne sia entrato in possesso facendo uno scambio di semi con un contadino della Liguria. Poi ha cominciato a piantarli, negli anni Settanta, nell'orto di casa, in frazione Rova, a Gazzaniga».

«Ad un certo punto - dice Gianbattista Rossi, responsabile del gruppo di Bergamo dell'associazione Civiltà Contadina - questo seme è approdato a Caravaggio e qui è accaduta una cosa molto interessante: cultura e coltura si sono unite. In questo Comune, infatti, c'era la tradizione della cosiddetta trippa dei morti, preparata per lo più a novembre, che richiedeva la presenza di un fagiolo grosso e bianco. Il problema fino ad allora era stato quello di trovare un legume del genere che ben si adattasse a questo piatto. Con la comparsa del fagiolo del Tone alcuni anni fa è stato possibile completare tale tradizione con un ingrediente ad hoc. Di conseguenza il seme ha trovato un posto d'onore negli orti di Caravaggio».

Leggi di più su L'Eco di domenica 19 agosto

m.sanfilippo

© riproduzione riservata