Venerdì 22 Febbraio 2013

Bene Tenaris (+4%) dopo i conti
Ancora ko Finmeccanica 

Le Borse europee rimbalzano dopo il passaggio a vuoto di ieri e grazie all'aumento dell'Ifo tedesco oltre le attese consolidano i guadagni nel corso della mattinata. Milano (dato delle 13.30) guadagna l'1,4%, Francoforte l'1,1% e Parigi l'1,8%; piu' prudente Londra che segna +0,8%. A Piazza Affari, con lo spread che torna a 280 punti base, affluiscono gli acquisti sulle banche, a partire da Bper (+5,1%) e Ubi Banca (+3,2%): su quest'ultima gli operatori scommettono ora su una trasformazione in spa visto che Bpm ha gia' avviato il procedimento.

Tenaris (+4,3%) festeggia i conti 2012 e il quarto trimestre oltre le attese, mentre in coda al listino c'e' Finmeccanica (-2,1%) dopo il rinvio dell'ok al bilancio 2012. Realizzi anche su Ferragamo (-0,9%) e Pirelli (-0,5%).


Sul resto del listino, fiammate per la Roma calcio (+8,4%) dopo l'accordo preliminare per l'ingresso nel capitale dello sceicco giordano, mentre Camfin guadagna il 5% dopo le indiscrezioni di stampa su un'Opa da parte di Tronchetti Provera e altri investitori. All'esordio sull'Aim Italia balza la prima matricola dell'anno, Mc-Link, con +18,9%. Sul mercato valutario, ancora in caduta l'euro che perde quota 1,32 sul dollaro e si attesta a 1,317.

Nell'ultima seduta prima delle elezioni, Piazza Affari rimbalza con decisione snobbando anche il taglio delle stime sul Pil italiano (-1%) operato dalla Commissione Ue.

A Piazza Affari sugli scudi ci sono i titoli finanziari e le banche. Tra i piu' brillanti Bper (+5,1%) e Ubi Banca (+3,3%). Fiat (+2,1%) festeggia la crescita (+4,2%) delle vendite in Brasile nella prima meta' di febbraio. Risalgono anche Telecom Italia (+1,3%) ed Eni (+1%) mentre resta il nervosismo su Mediaset (+0,5%), che dopo una buona apertura sale meno dell'indice.

Anche a Parigi banche brillanti mentre Air France (-2,7%) paga dazio dopo i conti in profondo rosso. A Francoforte la peggiore e' Commerzbank (-1,2%) mentre Allianz (+2%) sale ancora in scia ai conti 2012 in netta crescita. A Londra forti acquisti su Melrose (+3,9%) e Serco (+3,3%).

a.ceresoli

© riproduzione riservata