Sabato 23 Febbraio 2013

Ubi Banca Spa? No di Zanetti
«Siamo lontani anni luce»

Emilio Zanetti è stato fermo e determinato nella versione «padrone di casa» dell'annuale convegno dell'Istituto banche popolari al Teatro Sociale. Da un lato, come presidente di Assopopolari, ha difeso strenuamente il modello cooperativo, enunciando i brillanti risultati degli ultimi anni, crisi inclusa.

Dall'altro, a margine del suo intervento, come presidente del Consiglio di gestione, ha definito «infondata» l'ipotesi che Ubi Banca svolti a favore della Spa, (con un titolo che però sembrava crederci, rimbalzando fino a chiudere ieri a +3,06%), minimizzando anche di parecchio l'impatto dell'associazione Insieme per Ubi che giovedì aveva auspicato la svolta («è un gruppuscolo, raccoglie poche adesioni e solo tra Milano e Pavia») ed escludendo «in maniera assoluta» che della compagine faccia parte Mario Cera, attuale presidente di Commercio e Industria e possibile candidato alla vicepresidenza del nuovo corso dopo l'assemblea del 20 aprile.

A proposito di questo appuntamento cruciale, Zanetti ha invitato la governance che tra due mesi sarà chiamata a guidare l'istituto a rispettare «gli attuali valori», che sono «indipendenza e autonomia». E alla fine mette l'ultima pietra tombale sulla trasformazione in Spa: «Come presidente di Assopopolari sono fermamente contrario - ha aggiunto Zanetti - e in Ubi non se ne discuterà assolutamente, siamo lontani anni luce».

Ma un po' tutti gli interventi  hanno rimarcato le qualità dell'attuale modello: appassionato quello del professor Tancredi Bianchi, che ha spiegato come la banche Popolari, «così vicine alle famiglie e alle piccole imprese», commetterebbero un grave errore qualora cambiassero, «puntando su aree di business pericolose, senza più curare gli interessi del territorio».

Leggi tutto su L'Eco di Bergamo del 23 febbraio

r.clemente

© riproduzione riservata