Lunedì 07 Novembre 2011

Accordo tra Expo 2015 e FaSe
Più forte il rapporto col territorio

Annunciato lunedì 7 novembre l'accordo tra Expo2015 e FaSE Fabbrica Seriana Energia che prevede la collaborazione tra le due realtà per creare un collegamento tra i contenuti di Expo2015 e il territorio lombardo.

FaSE è frutto di un progetto che coinvolge Università degli Studi di Bergamo, Centro di Etica Ambientale, Associazione Artigiani di Bergamo, imprenditori, istituzioni, parti sociali e promotori strategici del territorio, uniti verso un unico obiettivo: la comunità sostenibile. FaSE intende infatti proporre un nuovo modello di fare impresa, orientato al rispetto ambientale e all'impiego diffuso delle energie rinnovabili, alla valorizzazione della sostenibilità che parte dall'individuo e lo pone al centro di un processo di rinnovamento culturale ed etico.

“Abbiamo siglato questo accordo perché riteniamo che FaSE, per sua natura e vocazione, possa essere un luogo privilegiato in cui creare un percorso di riflessione sui grandi temi dell'etica e della sostenibilità ambientale, su cui si basa anche EXPO2015” ha dichiarato Fabio Marazzi, componente del Cda di Expo2015. “Sono orgoglioso di questo ulteriore progetto con il territorio orobico perché conferma quanto la comunità bergamasca intenda accogliere in modo concreto e fattivo la grande sfida che EXPO2015 lancerà per la rinascita del nostro Paese.”

Le attività espositive e divulgative svolte da Expo2015 a livello regionale, nazionale e internazionale si potranno quindi integrare con quelle espositive, didattiche, formative e informative di FaSE nel territorio.

“In veste di primo cittadino di Alzano Lombardo ho nuovamente occasione di vedere, con grande soddisfazione ed orgoglio, che EXPO2015 si lega ad una realtà del territorio.” ha dichiarato Roberto Anelli, sindaco di Alzano Lombardo. “L'appuntamento del 2015 sarà, quindi, per i miei concittadini, non un avvenimento importante ma geograficamente distante e quindi lontano dal quotidiano bensì una occasione preziosa che verrà offerta alla comunità tutta, di partecipare attivamente e fattivamente ad un evento che racchiude in sé tutte le sfide del nuovo millennio.”

Obiettivo di FaSE infatti è mettere in rete tra loro industria, istituzioni, ricerca e cittadini per creare una piattaforma di dialogo e di confronto finalizzata a sviluppare nuove opportunità di crescita economica durevole.

“La partnership con EXPO2015 è un risultato importante poiché il tema della manifestazione "Nutrire il Pianeta, Energia per la vita" ben si sposa con gli obiettivi di FaSE” ha dichiarato Ferruccio Locatelli, Presidente FaSE. “La diffusione della coscienza ambientale e del sapere, quale strumento concreto ed indispensabile per lo sviluppo sostenibile del pianeta, è una fra le finalità condivise con EXPO2015 che verrà declinata da FaSE con una multiformità di iniziative - dalle mostre ai convegni, dai seminari ad eventi formativi - volti alla formazione di quel sentire comune che permetterà il cambiamento della società in termini virtuosi”.

FaSE – Fabbrica Seriana Energia

Obiettivo di FaSE è orientare il territorio nella direzione di una “comunità sostenibile” verso settori ad elevato contenuto di conoscenza, come quelli connessi alla Green Economy, con un'attività di formazione e informazione sulle relazioni tra energia, clima, biosfera, culture umane, alimentazione ed etica ambientale, coniugando equilibrio locale tra conservazione e sviluppo.

La ‘comunità sostenibile' come elemento fondamentale della strategia di sviluppo di FaSE intendendo nel suo significato:

• Insieme sufficientemente ampio di individui e di collettività in vicendevole relazione, che non solo accolgono le molteplici sfide ecologiche e tecnologiche dei nostri tempi per garantire qualità della vita e vivibilità economica, ma che le utilizzino come occasione per generare nuovi legami sociali;

• Volontà di affrontare insieme le sfide sociali e le sfide ambientali e di porre un nuovo intreccio fra qualità della vita sociale e qualità della vita ambientale, a motore dello sviluppo economico e tecnologico della Valle;

•  Volontà di coniugare l'idea pratica di comunità con l'apertura e con la diversificazione: ogni comunità che voglia dirsi tale deve essere aperta ad altre comunità ed altre culture, non per dissolversi in esse ma per coevolvere con esse, interfacciandosi reciprocamente;

• Idea di sostenibilità come prospettiva di passaggio dall'obiettivo di conservazione passiva delle risorse naturali a quello di valorizzazione delle stesse, attraverso l'idea e pratica di tutela attiva (ponderato uso delle risorse naturali).

Realizzare un Centro focalizzato sulle esigenze del territorio per fornire risposte locali a domande globali, portando alla ribalta le best practices italiane nel campo delle energie alternative per creare una Comunità Sostenibile.

a.ceresoli

© riproduzione riservata