Lunedì 07 Aprile 2014

Case, prezzi ancora al ribasso

Ma a Bergamo salgono: +5,8%

Un panorama di Bergamo

L’inizio del 2014 conferma il trend al ribasso del mercato immobiliare: nei primi tre mesi, secondo le rilevazioni del portale Idealista.it, i prezzi sono scesi nell’80% delle città, con i negativi più pesanti nei piccoli centri.

Roma cede lo 0,8%, Milano l’1,2% e Firenze il 2,4% mentre tra le grandi metropoli l’unica dove le quotazioni stanno salendo è Napoli con un incremento del 2%. I centri di medie dimensioni sono quelli che soffrono di più con Modena che cede il 10%, Lucca il 9,2% e Verona il 7,9%, per la ricerca queste città soffrono del calo dell’offerta di lavoro che causa un eccesso di immobili sul mercato.

Oltre a Napoli, sono solo 11 su 69 le città che hanno visto salire i prezzi: si va dal +0,1% di Vercelli al +5,8% di Bergamo e Imperia. Nonostante un calo del 4%, Venezia si conferma la città più cara d’Italia con un prezzo medio di 4.343 euro al metro quadro.

© riproduzione riservata