Conad-Auchan: salta la trattativa  «A rischio le tutele dei lavoratori»

Conad-Auchan: salta la trattativa
«A rischio le tutele dei lavoratori»

I sindacati: situazione complicata dall’atteggiamento dell’azienda. Si parla già di un’ipotesi di sciopero.

Un’altra giornata di trattativa intensa, e alla fine nulla di fatto. Il tavolo aperto al Ministero sulla vicenda Conad – Auchan ha chiuso sull’ultimo tentativo (il 30 settembre, infatti era l’ultimo giorno disponibile per legge) di trovare un accordo per gestire il passaggio dei punti vendita. «Non cambia il futuro dei tre centri bergamaschi che entro febbraio del prossimo anno transiteranno da Auchan (ora di proprietà Conad) alle società di gestione del gruppo – dice Alberto Citerio, segretario generale di Fisascat Cisl Bergamo -, ma il blocco della trattativa lascia aperte parecchie questioni che riguardano le tutele per i lavoratori che passeranno a Conad in questa prima fase e per quelli dei negozi che rimangono in capo a Auchan».

Si legge in una nota nazionale: «Da parte dell’Azienda c’è stata una chiusura totale. Vogliono lasciare agli imprenditori del consorzio mano libera sulle ristrutturazioni, con il rischio esuberi che colpirebbe i depositi e i negozi meno performanti».

«Sostanzialmente - prosegue Monica Olivari, che per FIisascat segue la trattativa - da parte di Conad c’è stato un no a tutti i punti più qualificanti dell’ipotesi di accordo. C’è anche l’Indisponibilità a riprendere il confronto sui soli 5 punti per noi indispensabili (efficacia degli accordi per tutta la filiera Conad compresi i subaffittuari; tutela reale anche per i pochi casi di aziende non rientranti nel campo applicativo della L 300; responsabilità in solido del network per mancato rispetto di norme contrattuali e di legge; organizzazione del lavoro oggetto di intese secondi le vigenti previsioni del CIA Sma e garanzie occupazionali)».

Dopo la rottura delle trattative le categorie del commercio di Cgil, Cisl e Uil proclameranno lo stato d’agitazione, assemblee sindacali fino a arrivare, se necessario, allo sciopero.


© RIPRODUZIONE RISERVATA