Sabato 14 Dicembre 2013

Nasce «Acqua di Bergamo»

Il profumo di una terra

I cinque profumi «Acqua di Bergamo»

Ogni profumo racconta una storia. Questo racconta di una terra, quella Bergamasca. Nasce la linea «Acqua di Bergamo», cinque profumi che a breve diventeranno sei e che raccontano il nostro territorio attraverso aromi e fragranze mixate da due realtà milanesi del settore, che elaborano profumazioni per i principali produttori internazionali.

A pensare a questa nuova linea di profumi non potevano che essere due bergamaschi, Carlo Alberto Bonalumi, imprenditore e titolare della Sorgentis e della Corus - aziende che si occupano di terziario, dal commercio alle energie rinnovabili -, e Fortunato Busana, professionista nel settore della comunicazione. «A dire la verità l’idea di iniziare una nuova avventura nei profumi è venuta a mia moglie, Anna Marisa Avogadri – commenta Bonalumi -: in team abbiamo poi collaborato con la Cff e l’Adm94, aziende leader nel settore, coinvolgendo Carlo Ribero, noto naso di fama internazionale, e Andrea Casotti, ricercatore delle essenze e fornitore delle migliori firme del settore».

Cinque i profumi già in produzione: due femminili «Piazza Vecchia» e «Cheyenne», due maschili che sono «Apache» e «Arlequin», e l’unisex «Città Alta».

A questi si aggiungerà «Il Caravaggio» e da notare i nomi di queste fragranze che vogliono ovviamente collegarsi al territorio e dare un lancio in chiave promozionale e turistica della nostra provincia. «Perché l’obiettivo non è solo di natura commerciale – dichiarano i due ideatori della linea -, ma deriva dalla passione che abbiamo per la nostra città e dalla voglia di promuoverla, con un nuovo prodotto che ha una spiccata personalità ed è di qualità alta». Lo studio delle essenze naturali e il mix di fragranze è stato infatti studiato nel dettaglio, dando carattere ai 5 profumi che ora sono già in distribuzione. «Partiamo da un negozio sul Sentierone, il MedicalLife Cosmetics (con punto vendita anche a Treviglio); in Città Alta su via Colleoni nel negozio Quadri e righe e in un hotel, sempre a Bergamo Alta, il Gourmet di San Vigilio – commenta Bonalumi -. Il progetto prevede una vendita on line su acquadibergamo.com, e l’intenzione è di essere negli alberghi del territorio, come prodotto che presenta e ricorda la nostra città». Obiettivo da raggiungere anche l’aeroporto di Orio al Serio: «Qui, nei piani di sviluppo, pensiamo a un corner: questo profumo deve dare il benvenuto in città e salutare i suoi ospiti».

Un modo per promuovere il territorio e un progetto imprenditoriale che si concentra su Bergamo:«Questi profumi vogliono essere un ponte immaginario tra la città e noi che ci viviamo, ma anche coloro che la scoprono anche solo per pochi giorni – ha detto Busana -. Questi nuovi profumi trasmettono ricercatezza, qualità e appassionato amore per Bergamo».

Fa.Ti.

© riproduzione riservata