Tutto è iniziato per gioco a Ranica  Nasce così lo zafferano ZafRanga
Fiori di crocus: da questi pistilli si ricava lo zafferano

Tutto è iniziato per gioco a Ranica

Nasce così lo zafferano ZafRanga

Un gruppo di amici ha iniziato per gioco la coltivazione, oggi hanno costituito una vera e propria linea commerciale. Sabato la semina.

ZafRanga è uno zafferano made in Ranica, laddove un anno fa prendeva il via l’idea, a metà strada fra avventura imprenditoriale e passatempo ludico.

All’origine un gruppo di amici, che da anni – puntualmente ogni giovedì – si danno appuntamento in un’antica osteria del paese. Occasione di convivialità, è chiaro, ma anche di approfondimento, cultura e solidarietà, tanto che ne è nata pure un’associazione di promozione sociale che prende il nome di «Terra Uomo».

L’idea di produrre zafferano è della primavera del 2015; da qui la frequenza di un corso ad hoc in una grossa azienda del settore a Caprino Bergamasco, da parte di alcuni membri del gruppo, per acquisire tecniche e carpire segreti; quindi l’acquisto di migliaia di bulbi di crocus e la loro semina, ad uno ad uno, in un campo avuto in prestito proprio a pochi passi dall’osteria, sulle colline di Ranica.

Si tratta di un prodotto di nicchia che è piaciuto. Fra qualche giorno la semina si ripete: il giorno è fissato per il 20 agosto, in un campo di Valbrembo. Successiva, il 27 agosto all’interno della notte bianca di Ranica, la vendita di vasi di crocus.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 18 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA