Sfonda una finestra e ruba in municipio   Via tv e soldi. Ma poi torna e lo arrestano
La finestra forzata al primo piano del municipio di Mapello

Sfonda una finestra e ruba in municipio

Via tv e soldi. Ma poi torna e lo arrestano

Il ladruncolo aveva portato via un televisore e 77 euro in monete, però non era soddisfatto del bottino. Quando è tornato sul posto ha trovato i carabinieri.

A dare l’allarme è stato un residente, insospettito dai rumori provenienti in piena notte dagli uffici del municipio di Mapello. Quando però i carabinieri del nucleo radiomobile di Bergamo sono arrivati sul posto con due pattuglie, il ladro se ne era già andato col bottino. Soltanto la sua avidità, per così dire, ha permesso alle forze dell’ordine di arrestarlo. M. M., ventinovenne residente proprio a Mapello, con precedenti, dopo il primo «passaggio», aveva infatti deciso di tornare sul luogo del crimine, in municipio, per cercare altro materiale da portare via. Purtroppo per lui, i carabinieri erano ancora in zona e lo hanno immediatamente arrestato.

Il fatto è avvenuto intorno all’1,45 della notte tra mercoledì e giovedì, quando il malvivente, calandosi da un pluviale dell’edificio ha raggiunto una finestra, l’ha sfondata ed è entrato negli uffici del municipio. Appena ricevuta la segnalazione i carabinieri si sono precipitati sul posto: i militari rimasti all’esterno hanno sentito dei rumori provenire da una siepe vicino al municipio e avvicinatisi per controllare hanno trovato nascosto il ventinovenne. Con tutta probabilità il ladruncolo era intenzionato a intrufolarsi nuovamente nel palazzo comunale per rubare altri oggetti e arricchire così il suo bottino.

L’uomo ha subito ammesso di essere il responsabile del colpo e a seguito di un sopralluogo, a casa sua sono stati recuperati sia il televisore sia i 77 euro in monete frutto dello svuotamento del cassetto del distributore di bevande.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 23 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA