Lunedì 14 Dicembre 2009

Rugby: Reproscan a valanga
nella sfida salvezza con Taurinia

La Reproscan si scopre grande e vince 49-7 la sfida diretta per la salvezza contro il Taurinia. Migliore in campo il ventenne Valtorta, che apre anche le marcature con un calcio di rimbalzo; il personale bottino dell’apertura di Azzano San Paolo salirà nel corso del match a 15 punti, frutto di due mete e una trasformazione.

La Rugby Bergamo recita il ruolo tipico delle grandi, perché nel primo tempo impone il proprio gioco e scandisce i tempi della gara, mentre nella seconda frazione amministra il vantaggio, arginando la sfuriata dei piemontesi, che evidenziano buone individualità, buona propensione al placcaggio ma scarsa continuità d’azione.

La partita si apre col Valtorta show, che aggiunge al drop una meta; al 19’ è capitan Tasca, sicuro alla guida della propria compagine, a mettere a segno cinque punti dopo una buona azione degli avanti. Quattro minuti dopo è il turno di Minetti che si invola oltre la linea di meta avversaria.

Ottenute 18 lunghezze di distacco, i padroni di casa hanno abbassato il ritmo per poi tornare ad accelerare al 35’ con la prima meta tra i seniores del diciottenne Gazzaniga, seguito dopo cinque minuti dal solito Valtorta che, poco prima, aveva trasformato la realizzazione del compagno. Primo tempo chiuso col punteggio di 30-0 e bonus in classifica raggiunto.

La seconda frazione serve a fare rifiatare qualche giocatore e dare qualche minuto in più nelle gambe alle riserve, che bene hanno figurato. In primis Biasoli, autore di una meta, e Davide Grazioli, ottimo cecchino e gestore del vantaggio in cabina di regia. Una soddisfazione vedere finire sul taccuino dei marcatori il rientrante Obaha. La meta trasformata del Taurinia arriva invece dopo una ripetuta azione offensiva degli ospiti, ben arginata da Bergamo per almeno venti minuti, dopo i quali era fisiologico non riuscire a resistere.

Sul rettangolo verde per 80 minuti anche il ventunenne pilone Daccomi, sicuramente l’atleta con il più alto tasso di crescita nella stagione. Grande applauso del pubblico all’uscita dal campo di Ivan Rodeschini, capitano di mille battaglie, che ha abbracciato l’attuale capitano Tasca, segno che il passaggio di consegne è avvenuto e adesso i giovani sembrano maturi per tirare il gruppo.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata