Lunedì 12 Aprile 2010

Calcio dilettanti: Curno in vetta
In Terza brinda il Comun Nuovo

La primavera ha confermato le attese: pazza dal punto di vista meteorologico, ma anche da quello calcistico. Nello scorso weekend sono infatti stati diversi i colpi di scena che hanno caratterizzato i gironi di Eccellenza e Promozione.

Nelle serie minori iniziano invece i festeggiamenti delle squadre vincitrici del campionato. Nel gruppo E di Terza categoria il Comun Nuovo (54) ha conquistato con quattro turni d'anticipo la promozione in Seconda categoria. Grazie alla rosicata vittoria contro il Curnasco (1-0), gli uomini di Barcella hanno portato a 13 il margine di vantaggio dal Lallio (41), diventando imprendibili.

In Eccellenza, il finale delle bergamasche si sta rivelando al di sotto delle previsioni. Nel girone B Mapello (59) e Villa d'Almè (37) hanno conquistato tre punti importanti contro Cinisellese (5-0) e Sondrio (1-0). Se per i gialloblù la vittoria vale la conferma del secondo posto, per gli uomini di Tarchini significa salvezza ormai conquistata.

Le orobiche in cerca di un posto playoff dovranno rinviare il loro sogno alla prossima stagione, anche se l'aritmetica non li condanna ancora. Infatti Voluntas Osio (43) e Trevigliese (43) sono uscite con le ossa rotte dall'ultimo turno di campionato, battute da Seregno (4-0) e Merate (3-2).

Nel girone C l'Aurora Seriate (56) ha perso una buona occasione per accorciare in classifica sulla capolista Rudianese (63), sconfitta 2-1 dall'Orsa Corte Franca (46). La squadra di Seriate non è andata oltre il pareggio contro il Castiglione (52), mantenendo saldo il secondo posto, ma facendosi rimontare dopo aver realizzato la rete del vantaggio con Chiappa su calcio di rigore ed essere rimasti in superiorità numerica.

Può sorridere il Calcio Caravaggese (45) che ha umiliato il Vallecalepio (36) con un pesante 5-1. In zona playoff rimangono invariate le chance del Sarnico (45) per conquistare l'ultimo posto utile, dopo il pareggio nel derby con la Gandinese (1-1), mentre diminuiscono quelle della Ghisalbese (43) sconfitta in casa 2-0 dalla Pro Desenzano (46).

In zona salvezza si è complicata la situazione dello Scanzorosciate (27), battuto in casa dal Chiari (1-0). I bresciani hanno recuperato due punti in classifica alla Grumellese (40), bloccata sull'1-1 dal Castellucchio (33): la situazione in coda resta apertissima.

La testa del girone C di Promozione parla bergamasco: il Curno (52) è tornato in vetta alla classifica. Grazie a un decisivo Sala i biancazzurri hanno piegato la resistenza del Carugate (4-0) e con il contemporaneo pareggio del Biassono (51) contro il Desio (1-1) hanno ribaltato la situazione.

In coda non sono mancati clamorosi colpi di scena, come quello del Lemine (32), sconfitto in casa per 3-2 dal fanalino Cusano (8): i gialloverdi hanno così perso un'importante occasione per allontanare definitivamente il rischio playout. Più difficile la situazione della Pontirolese (29), che ha rimediato la quarta sconfitta consecutiva (2-0) nel delicato scontro salvezza contro la Pro Lissone (34). La Brembatese (31) potrà raggiungere il proprio obiettivo con maggior facilità: la lotta resta aperta, ma il successo ottenuto in trasferta contro il Casati Arcore (37) per 2-1 è un ottimo punto di partenza per questo rush finale.

Nel girone D resta invariato il distacco tra le prime tre della classe. Il San Paolo d'Argon (48) ha battuto senza problemi (3-1) il Franciacorta (26) e fino al primo minuto di recupero di Sebinia (29)-Vallecamonica (52) ha sperato di rosicchiare due punti ai bresciani, che solo nel recupero hanno realizzato il gol partita con Bondioni. Anche l'Arcene (47) ha conquistato i 3 punti nel delicato match contro il Rovato (1-0), mantenendo ben saldo il terzo posto.

Continua anche la lotta in zona salvezza. L'Oratorio Calvenzano (30) è ora coinvolto nelle zone calde, dopo essere stato sconfitto dal fanalino Calcinatese (21) per 2-1. In Forza e Costanza (29)-VeVer (30) è prevalsa la paura di perdere: l'1-1 finale fa bene soprattutto alla VeVer, ora un punto sopra la zona playout.
 Simone Masper

m.sanfilippo

© riproduzione riservata