Venerdì 02 Luglio 2010

Tra l'Atalanta e Ardemagni
si mette di mezzo il Chievo

Fra l'Atalanta e Matteo Ardemagni s'intromette il Chievo. Poteva essere una giornata cruciale per arrivare al bomber del Cittadella, e invece sono sopraggiunte delle difficoltà. Trovato l'accordo con il giocatore, a buon punto quello con i veneti (Bonaventura e Gasparetto più robusto conguaglio economico), i nerazzurri si sono trovati di fronte allo snodo cruciale della trattativa: la comproprietà fra Cittadella e Triestina.

Sottotraccia, dietro l'altra metà del cartellino sta lavorando il Chievo, interessato al 23enne attaccante scuola Milan (22 gol nell'ultima stagione di B) per affiancarlo a Pellissier. Risultato: i friulani giocano al rialzo per la loro metà, l'Atalanta per un giocatore di prospettiva punta all'acquisizione dell'intero cartellino, e le parti si sono date appuntamento ai prossimi giorni per una nuova puntata di quella che rischia di divenire un'autentica soap.

Forte dell'assenso del giocatore (c'è da tempo l'ok per un quadriennale a 300 mila euro circa) l'Atalanta sembra ancora in leggero vantaggio, ma più passa il tempo più il rischio è che su di lui mettano gli occhi anche altre formazioni di serie A e si scateni una pericolosa asta. Eventuali alternative?

Forti della versatilità di Simone Tiribocchi, impiegabile come prima o seconda punta (ieri, per lui, sondaggio del Sassuolo) potrebbe scaldarsi prima del previsto la pista che porta a Mirko Antenucci ('84, ex Ascoli) altro giocatore fra i più in vista dell'ultima serie B.

Continua, incessante, il pressing dello Sporting Lisbona per Jaime Valdes: ieri nuova offerta, ma le parti sono ancora distanti e i nerazzurri non scendono dai cinque milioni di euro (contro 2,5 dell'offerta). Per Simone Padoin, timido sondaggio del Bologna, ma è ritenuto un punto fermo del centrocampo, dove è stato smentito l'interesse per Delvecchio (classe 1978, in uscita dal Catania).

La dirigenza sonda invece il mercato estero con l'intenzione di allacciare rapporti di scouting utili in prospettiva. In uscita, il difensore Marco Arrigoni ('88) è conteso da tre formazioni di Prima divisione come Ravenna, Juve Stabia e Ternana. Per il portiere Rossi (‘91) si valuterà durante il ritiro, così come per il centrale difensivo Matteo Gentili, che deve ancora recuperare da un intervento al crociato del ginocchio destro.

PROGRAMMA AMICHEVOLI
Esordio confermato il 18 luglio, a Clusone, avversario il Distretto del commercio alta Val Seriana e Clusone. Dopo la rappresentativa dilettanti bergamasca (mercoledì 21, ore 17 a Rovetta), sempre al centro sportivo Marinoni, fra il 24 e il 28 luglio i nerazzurri se la vedranno nel giro di quattro giorni con due formazione di Seconda divisione quali Prato e Tritium.

A chiudere il ritiro, sabato 31 luglio, il Trofeo Bortolotti contro il Siviglia (ore 19 allo stadio Comunale), mentre sabato 7 agosto, sempre allo stadio, l'avversario sarà il Cagliari (calcio d'inizio ore 20,30). Un precampionato dalle difficoltà crescenti, insomma: con l'esordio ufficiale fissato per il 22 agosto, resta solo da stabilire l'avversario della settimana di Ferragosto.

PRESENTAZIONE DIRIGENTI
Questa mattina, ore 11, nella sala conferenze del centro sportivo Bortolotti di Zingonia ci sarà la presentazione ufficiale del direttore generale Roberto Spagnolo, del direttore sportivo Gabriele Zamagna e del responsabile dell'area scouting Beppe Corti.
 Luca Persico

m.sanfilippo

© riproduzione riservata