Venerdì 18 Febbraio 2011

Coach Salieri e il ricostruito Siena
sulla strada della Comark

Coach Salieri e il suo ricostruito Siena arriva domenica 20 febbrario al PalaFacchetti (inizio alle ore 18) per affrontare la Comark. Salieri ricorda, inevitabilmente, l'indefinibile e fulmineo rapporto intrattenuto con il club orobico nella scorsa estate.

Fortemente voluto dalla dirigenza per sostituire il non confermato Morandi, Salieri una volta accettato con entusiasmo di allenare la Comark, a distanza di pochi giorni rescisse clamorosamente il contratto per sopraggiunte problematiche non di natura tecnica.

Si trattò di una «bomba» vera e propria in quanto il suo arrivo era stato annunciato con giustificata enfasi dalla stessa società trevigliese. Si sa che poi vennero contattati, prima dell'accordo con Lottici, gli allenatori Vanoncini e Saibene che però rifiutarono le proposte accasandosi, seduta stante, altrove. E sia pure nelle vesti di quarta scelta eccoci qua con Lottici al quale va parte di indubbio merito per il soddisfacente percorso sin qui compiuto dal team del presidente Piervincenzo Mazza.

Sì, perché, se la Comark non avesse scialacquato, domenica scorsa, la posta in palio con il modesto Pavia si troverebbe addirittura a due sole lunghezze dalla capolista Perugia. «Ci sarà, assolutamente, vietato perdere - ha detto con fermezza il general manager Euclide Insogna - con il Siena specie dopo l'ultima recente sconfitta. La squadra toscana, anche se ha vinto quattro gare meno di noi, vanta un roster di tutto rispetto e in fase di risalita».

In effetti, Salieri (giunto a Siena a metà gennaio) ha rigenerato il quintetto anche in virtù dell'inserimento della guardia ventiduenne Portannese, autore addirittura di 29 punti nel blitz a Trento di un pio di sabati fa. Sempre Portannese è stato uno degli artefici del facile successo casalingo di Siena sul Senigallia.

Insomma, i prossimi avversari di capitan Reati e compagni, nonostante una graduatoria non certo esaltante e nonostante il ko nell'andata, vanno presi, come si suol dire, con le pinze. Ancora assente Vitale, la Comark dovrà rinunciare pure a De Min, squalificato per due turni (il ricorso presentato dal sodalizio trevigliese è stato, come previsto, respinto dall'apposita commissione giudicante). Spazio allora, in particolare, al neo acquisto Castelli e al sempre più apprezzato Milani.

Arturo Zambaldo

m.sanfilippo

© riproduzione riservata