Venerdì 08 Aprile 2011

Trento-Comark, l'anticipo
vale un'intera stagione

Comark a Trento (sabato 9 aprile alle 20,30) nell'intento di staccare il biglietto per i playoff. Espugnando quel palasport, infatti, i trevigliesi con ogni probabilità accederanno al mini torneo per il passaggio alla Legadue visto che, poi, nell' ultimo turno della regular season, se la vedranno con il fanalino di coda e già retrocesso Osimo.

C' è, comunque, il rovescio della medaglia. In caso di sconfitta la Comark potrebbe addirittura essere trascinata nei rischiosi playout-retrocessione. La Comark, in ogni caso, a Trento dovrà tener conto di una contendente, a sua volta, affamata per evitare la permanenza automatica nell' attuale terza divisione del basket nazionale. Insomma, si preannuncia una sfida tra le più motivate di questa regular season.

Azzardare pronostici diventa proprio problematico. Si potrebbe puntare sulla Comark dopo aver fotografato per bene il suo organico, sicuramente superiore a quello degli avversari di turno. Ma il fattore campo gioca a favore dei trentini, peraltro, vincitori nell' andata al PalaFacchetti (88-95 il risultato di allora). Altra considerazione: a non far ritenere scontata la vittoria della Comark è il ricordo del suo percorso a intermittenza che l' ha sin qui contraddistinta.

Se a Trento il team bergamasco opterà per la versione-brillante le probabilità di vittoria saliranno in maniera vertiginosa. Diversamente, inutile continuare il discorso. Coach Simone Lottici potrà affidarsi ai dieci titolari, vale dire, Zanella, Marino, Reatti, Vitale, De Min, Borra, Castelli, Marulli, Milani e Planezio. Trento sta attraversando un periodo del tutto negativo: basta ricordare che è reduce da tre stop consecutivi (l' ultimo a Pavia).

Con questo ruolino di marcia da mani nei capelli la formazione allenata da Buscaglia è scesa dal primo posto della graduatoria all' attuale sesto, in compagnia di Moncalieri, staccate di un paio di lunghezze dalla Comark. Pedine da temere maggiormente i frombolieri Benevelli, Conte e Forray e l' eclettico Zivic, con un trascorso nel mai dimenticato Celana.

Arturo Zambaldo

e.roncalli

© riproduzione riservata