Venerdì 22 Luglio 2011

Tegola sull'AlbinoLeffe
Cisse fuori per 40 giorni

La tegola dopo la spavento. Cisse fuori per 40 giorni, l'AlbinoLeffe inizierà il campionato con una punta in meno e ora dovrà decidere a che gioco giocare sul mercato: attendere Karamoko fino ai primi di settembre o cautelarsi cercando un sostituto?

«Aspettiamo il ritorno di Cisse, anche se il mercato è imprevedibile», ha detto e soprattutto lasciato intendere il diesse bluceleste Aladino Valoti preoccupato di ritrovare Karamoko il prima possibile. Certo la botta è stata tremenda e il conto dello scontro frontale con Amadori, mercoledì pomeriggio, che ha provocato la rottura del pavimento dell'orbita dell'occhio sinistro di Cisse e il suo immediato ricovero all'ospedale di Alzano prima e ai Riuniti di Bergamo poi, avrà effetti clinici quasi immediati.

All'inizio della prossima settimana Cisse verrà sottoposto a intervento chirurgico ai Riuniti, poi inizierà la convalescenza che nel giro di una decina di giorni dovrebbe restituirlo al lavoro atletico. Scongiuri facendo, per poter arruolare Karamoko e spedirlo regolarmente in campo Daniele Fortunato dovrà aspettare 40 giorni, presumibilmente con tanti saluti alla prima (il 27 agosto) e anche alla seconda (il 30) di campionato.

Da qui il dubbio sul Serio: aspettare o rimediare? Nessun rimpiazzo, ma restiamo vigili, è la parola d'ordine del clan seriano, ma certo il ko di Cisse rischia di ridurre all'osso le scelte di Fortunato in attacco, che a giugno ha perso Momentè nella battaglia degli accordi saltati col Varese e dal secondo giorno di ritiro deve rinunciare a Omar Torri, messo ko da un risentimento addominale.

Così rischia di riaprirsi il tormentone-Momentè, virtualmente chiuso dal diesse Valoti un paio di giorni fa. «Momentè resterà al Varese», aveva detto Valoti, ma ora il ko di Cisse, suggeriscono indiscrezioni, potrebbe indurre il clan seriano a tornare alla carica per riportare sul Serio l'attaccante milanese entro la fine del mercato, anche se l'operazione assomiglia a un'impresa.

Simone Pesce

m.sanfilippo

© riproduzione riservata