Mercoledì 15 Febbraio 2012

L'Atalanta torna al gol col Genoa
In rete va Marilungo, finisce 1-0

L'Atalanta vince la sfida col Genoa al Comunale di Bergamo. In attacco Colantuono ha proposto dall'inizio l'inedita coppia con Gabbiadini al fianco di Denis. Ma in rete è andato Marilungo, poco dopo essere sceso in campo proprio al posto di Gabbiadini.

Nel recupero della 21ª giornata, l'Atalanta ha dunque superato allo stadio Atleti Azzurri d'Italia di Bergamo il Genoa per 1-0: rete di Marilungo al 34' della ripresa. La partita era stata rinviata dal Gos lo scorso primo febbraio per motivi di sicurezza legati ad una forte nevicata.

Primo tempo senza occasioni particolari se non una conclusione a botta sicura di Palacio, al 17', neutralizzata dal piede di Peluso e un tiro-cross in diagonale di Denis, al 21', su cui non arriva Stendardo sul secondo palo.

Gran giocata di Palacio al 26' che si spegne di poco a lato, punizione dalla distanza di Gabbiadini al 28' che Frey smanaccia in corner nonostante fosse destinata al fondo.

Nella ripresa, dopo un gran sinistro di Veloso al 7', il Genoa sfiora il vantaggio al 13' con un colpo di testa di Kucka da corner che si stampa sulla traversa. Il numero dei pali viene pareggiato da Denis al 24': l'ex napoletano prima impegna d'esterno Frey anticipando Carvalho e poi, da un angolo quasi impossibile, prende la traversa.

Al 29' Denis e compagni protestano con veemenza per un presunto tocco di mano in area di Carvalho. L'Atalanta però ha le redini del match e, al 34', trova l'1-0 con il neo entrato Marilungo, che di sinistro perfora Frey interrompendo il lungo digiuno degli orobici sul loro campo.

In classifica l'Atalanta, partita a -6, sale a quota 27 mentre il Genoa resta a 30.

IL TABELLINO
ATALANTA (4-4-2): Consigli; Lucchini, Stendardo, Manfredini, Peluso; Schelotto (15'st Bonaventura), Cigarini (37'st Cazzola), Brighi, Carrozza; Gabbiadini (22'st Marilungo), Denis.
In panchina: Frezzolini, Bellini, Moralez, Minetti.
Allenatore: Colantuono
GENOA (4-3-3): Frey; Rossi, Granqvist, Carvalho, Constant; Kucka, Veloso  (26'st Belluschi), Biondini (36'st Jorquera); Sculli, Palacio, Jankovic (40'st Zè Eduardo).
In panchina: Lupatelli, Birsa, Sampirisi, Krajnc.
Allenatore: Marino

ARBITRO: Doveri di Roma
RETE: 34' st Marilungo.
NOTE: pomeriggio freddo, terreno in discrete condizioni, spettatori 15.000.
Ammoniti: Sculli, Stendardo, Manfredini.
Angoli: 7-5 per il Genoa.
Recupero: 0', 4'.

Le azioni principali
7'
Palacio raccoglie una respinta e prova una girata che impegna il portiere dell'Atalanta
20' Denis raccoglie un suggerimento sulla destra e crossa basso: nessuno purtroppo è pronto a mettere in rete, e la palla attraversa tutto lo specchio della porta
28' una punizione da 30 metri di Gabbiadini, Frey devia in angolo
Il primo tempo finisce 0 a 0.
49' apertura di Cigarini verso Schelotto e sponda di testa, ma Carvalho arriva prima di Denis
58' il Genoa preme e dopo una serie di calcio d'angolo Kucka colpisce bene di testa: Consigli c'è, ma la palla finisce sulla traversa
59' esce Schelotto, entra Bonaventura
63' l'Atalanta preme molto alla ricerca del gol
67' entra Marilungo ed esce Gabbiadini
69' doppia occasione per Denis: prima un tiro respinto dal portiere del Genoa, poi Denis ribatte da posizione angolata e colpisce la traversa
74' fallo di mano di Carvalho in area: l'Atalanta reclama un calcio di rigore
78' l'Atalanta va in gol con Marilungo, liberato in area dopo un triangolo con Denis. La palla sfila sulla sinistra di Frey
82' esce Cigarini entra Cazzola
90' 4 minuti di recupero

Gli striscioni
Fra gli striscioni apparsi al Comunale uno è dedicato alla memoria di Gianni Zavaglio, l'ex atalantino che con il suo gol sconfisse la Juve: «Onore alla storia, onore a Zavaglio»

Un altro plaude al rinnovo del contratto di Colantuono: «Al di là del dialetto grazie per il tuo impegno e il tuo rispetto!!! Avanti mister».

Infine uno per il direttore generale Pierpaolo Marino, che non ha ancora rinnovato il contratto e che potrebbe lasciare l'Atalanta: «Marino non scherzare, resta a Bergamo per farci sognare».

r.clemente

© riproduzione riservata