Domenica 25 Marzo 2012

Colantuono: «Lode ai ragazzi
Non finiscono di sorprendermi»

«Temevo quello che è successo sul 2-0 con la punizione di Diamanti, sapevo che loro erano molto forti sulle punizioni e non volevo che mandassimo in fumo quanto di buono fatto vedere, per questo continuavo a urlare, li cercavo di tenere sulla corda, per portarci a casa una vittoria meritata».

Lo ha sottolineato un soddisfatto Stefano Colantuono, allenatore dell'Atalanta, alla conclusione della partita ai microfoni di Sky. «Affrontare il Bologna non è facile, loro sono molto veloci, noi siamo stati bravi a rimanere corti, a non farli giocare, devo comunque fare i complimenti ai miei ragazzi che non finiscono di sorprendermi mai».

Non parlategli, però, di salvezza raggiunta: «Ancora dobbiamo lavorare, se non avessimo avuto la penalizzazione allora sì che potevamo essere più tranquilli, ma così ancora dobbiamo conquistare i punti necessari per centrare la salvezza»

Su tutti due giocatori si sono messi in luce: Cigarini e Gabbiadini: «Noi abbiamo preso Cigarini perché poteva alzarci il tasso qualitativo della squadra e lo sta facendo. Nei primi 20 minuti eravamo un po' lenti, poi quando lui ha preso in mano la squadra allora abbiamo iniziato a fare la partita. Mi auguro che questo sia il momento definitivo per Gabbiadini, perché ci serve come il pane, adesso deve continuare perché ha tutto dalla sua parte».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata