Sabato 19 Gennaio 2013

Cigarini: «Vincere con pazienza
Se arriva, Budan ci servirà molto»

«Dieci punti dal Cagliari al Torino, per tornare alla nostra dimensione. Molto dispiaciuto della partenza di Manfredini, ma contento dell'arrivo di Canini: ci darà una grossa mano. Budan? Ho giocato con lui a Parma, se arrivasse davvero da uno a cinque ci aiuterebbe quattro e mezzo».

Le interviste di Luca Cigarini non sono mai banali. Lui sostiene di divertirsi perché ama «dire la verità», ma l'addetto stampa lo marca a uomo: c'è sempre il rischio che dica qualcosa di strano. Anche per questo la premessa è già un paletto: per decisione della società nessun tesserato può parlare di calciomercato fino alla chiusura delle trattative. Cigarini sorride e annuisce.

«Col Cagliari ci aspetta una gara fondamentale, la paragono a Cesena-Atalanta di un anno fa. Inizio ritorno, avversari a cinque punti che si giocavano mezza stagione...».

Finì 1-0 per un'autorete di Rossi, Denis espulso, il Cesena chiuse con 12 angoli a favore... Le andrebbe bene anche vincere così?
«Firmo subito per vincere in qualsiasi modo. Perché il Cagliari è una squadra di buon livello, prima di battere il Genoa aveva perso con Juve e Lazio restando in vantaggio fino a pochi minuti dalla fine».

Per la verità prima di battere il Genoa il Cagliari era arrivato a sei sconfitte consecutive.
«Il Cagliari ha Nainggolan, che considero uno dei giocatori più forti di tutta la serie A. E davanti ha Ibarbo e Sau: se concediamo loro spazio per ripartire, siamo dei fessi».

Sta mettendo le mani avanti?
«Dico quel che penso: domani ci aspetta la partita della pazienza. L'anno scorso con il Cagliari in casa abbiamo vinto a fine partita. E questa sarà un'altra gara da affrontare con grande pazienza. Anzi, mi rivolgo ai tifosi...».

Come no: venite allo stadio...
«Di più. Venite allo stadio e abbiate pazienza. Aiutateci dal primo all'ultimo minuto, incitateci dopo ogni errore... Poi, se vorrete, venite ad ammazzarci sotto casa, ma dopo la partita. Mentre si gioca dateci una mano, a qualsiasi costo...».

Leggi di più su L'Eco di sabato 19 gennaio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata