Venerdì 01 Febbraio 2013

Giovani al lavoro a Brusaporto
Il piccolo Gotti gioca coi grandi

In attesa del rientro alle competizioni di Laurynas Grigelis, ancora ai box per un problema al polso, l'attenzione dello staff di Future Talent è puntata sui più piccoli. I giovani atleti del gruppo stanno lavorando duro al Centro Sportivo di Brusaporto, guidati dai maestri Roberto Manenti e Luca Bruno, e sotto l'occhio vigile del preparatore atletico Dragoljub Kladarin.

“Questo mese abbiamo deciso di incentrare l'attività degli agonisti sul movimento di piedi e la ricerca sulla palla - spiega Manenti - per guadagnare tempo prima dei colpi e renderne più facile l'esecuzione. Nel complesso, tutti i ragazzi impegnati stanno rispondendo bene ai carichi di lavoro, e la speranza è quella di vederli sempre più competitivi nei tornei di quarta categoria, per tentare il salto di qualità a livelli superiori”.

Nel gruppo anche Simone Gotti, nato nel 1999 e miglior prospetto fra i membri del team giovanile, come attestato dalla finale raggiunta nel 2011 alla Coppa Lambertenghi, i campionati italiani under 12. “Piano piano Simone sta affinando la tecnica, e rispetto al passato si muove molto meglio. Quest'anno avrà gli esami di terza media, quindi fino a giugno la sua attività sarà limitata ai tornei nazionali della zona, mentre successivamente giocherà come lo scorso anno i tornei under 14 del circuito Eta Tennis Europe”.

Per prepararsi all'attività internazionale, Gotti avrà a disposizione anche i campionati provinciali indoor, attraverso i quali potrà fare esperienza nella massima divisione. Si parte il prossimo week-end: “Abbiamo scelto di inserirlo nella squadra più forte che abbiamo - ha proseguito Manenti - decidendo di schierarlo sempre in singolare”. Con Gotti ci saranno il maestro Luca Bruno e Davide Recchia, entrambi seconda categoria ed elementi portanti di una formazione che può puntare al titolo, già vinto per tre anni consecutivi fra 2009 e 2011.

“C'è solamente una squadra che sulla carta è superiore ai nostri, quindi ci sono ottime possibilità di far bene e di vincere il girone nel quale il nostro team è stato inserito”. A differenza di prima e seconda divisione, sono invece già scattate le altre competizioni, che vedono in gara ben sei formazioni dell'Asd Tennis Brusaporto, quattro delle quali composte solamente da giovani. “Dopo le prime giornate possiamo dire di essere soddisfatti. Le limitazioni imposte dal campionato non ci permettono di schierare i nostri ragazzi migliori, ma ciò rappresenta anche un'occasione per tutti gli altri. Sia per dimostrare il loro valore, sia per capire che nel tennis al divertimento si può affiancare anche un po' di sano agonismo”.


FUTURE TALENT, DAL 2008 A CACCIA DI CAMPIONI
Future Talent nasce nel 2008, grazie alla volontà di quattro amici appassionati di tennis. Ha il preciso scopo di scoprire potenziali giovani talenti, facendo tesoro della collaborazione con giocatori e allenatori di livello internazionale che abitualmente vengono ad allenarsi presso il centro di Brusaporto, in provincia di Bergamo. L'offerta di servizi, per alcuni elementi selezionati dallo staff e ritenuti in grado di percorrere la strada dell'agonismo di alto livello, si articola nella gestione dell'atleta e nell'organizzazione degli allenamenti e della didattica, nel reperimento dei mezzi e delle strutture necessari all'attività. In questi anni si sono già avuti risultati di rilievo. Su tutti, la crescita di Laurynas Grigelis, giocatore lituano arrivato fino al numero 183 di singolare e 132 di doppio in classifica mondiale. Ma nel gruppo ci sono tanti giovani promettenti, come Simone Gotti, già finalista alla Coppa Lambertenghi. A seguirli i maestri Roberto Manenti e Luca Bruno, oltre al coach Giuseppe Menga.

a.ceresoli

© riproduzione riservata