Lunedì 11 Febbraio 2013

Stadio campo di patate?
La rizollatura spetta all'Atalanta

«Sulle condizioni del terreno di gioco dello stadio, il Comune non può fare proprio nulla. Il contratto stipulato con l'Atalanta parla, del resto, chiaro: l'eventuale intervento di rizollatura spetta alla società nerazzurra, a sue spese e a suo piacimento». Senza alcun giro di parole Alessio Santarelli, assessore ai Lavori pubblici di Palafrizzoni, respinge la responsabilità sul pessimo stato del campo di calcio della struttura di viale Giulio Cesare, di cui il Comune è proprietario.

È solo il caso di menzionare le pesanti e giustificate critiche mosse, da parte dell'enturage nerazzurro e dei supporter al termine della gara di domenica scorsa con il Catania. «La nostra Amministrazione – prosegue Saltarelli – aveva consegnato per la stagione sportiva 2009-2010 all'Atalanta e all'Albinoleffe un manto erboso nuovo di zecca. Nella circostanza si era opportunamente, pure, rifatto il fondo e allestiti gli impianti per scioglie la neve e per l'irrigazione. Più di così non si poteva certo agire». Insomma, a detta di Santarelli, si era provveduto a più di una restyiling vero e proprio.

Sulle cause di un degrado tanto evidente, l'assessore è risoluto, nonché, telegrafico: «Si è registrato un assottigliamento dello strato di verde: la cosa è li da vedere».

L'assessore, poi, esclude possibili soluzioni a tempi, ragionevolmente, brevi: «A questo punto bisognerà tirare avanti alla meno peggio con accorgimenti tampone. Purtroppo qualsiasi concreto intervento è da rimandare a fine campionato. A non consentire terapie immediate sono la stagione invernale, del tutto inadatta per lavori del genere e per la ragione che non c'è domenica in cui il comunale non venga utilizzato».
«Sia chiaro – conclude Santarelli – che dispiace parecchio anche a me vedere l'Atalanta, della quale sono da sempre super tifoso, giocare su un campo che non si possa esprimere al meglio delle possibilità ma ribadisco che i rimedi sono da rimandare».

Arturo Zambaldo

fa.tinaglia

© riproduzione riservata