Lunedì 01 Aprile 2013

Atalanta, sarà ko con l'Inter?
Mai dimenticare l'andata...

Non di raro, in ambito calcistico, girare le spalle a logica e razionalità, premia. Questa la premessa per andare controcorrente sui pronostici di Inter-Atalanta, in programma domenica sera, sfavorevoli ai nerazzurri di casa nostra.

Dallo stesso sondaggio, proposto dal sito de L'Eco di Bergamo, emerge la maggioranza di chi prevede una vittoria dei meneghini. Nei panni di Moratti e Stramaccioni non ci sentiremmo, però, tranquilli considerando, per prima cosa, gli alti e i più frequenti bassi della squadra nel corso della corrente stagione sportiva. Certo, noi siamo solo l'Atalanta ma per l'occasione motivazioni e adrenalina potrebbero far scattare la classica molla e riequilibrare la tecnica qualitativa di una contendente rispetto all'altra.

Esibirsi sul terreno del Meazza, si sa, è stimolante per chiunque, figuriamoci per una provinciale. È risaputo che caricare mentalmente i giocatori, la settimana che precede la sfida contro una grande, è per l'allenatore di turno un gioco da ragazzi. Un valore aggiunto per gli atalantini, sarà costituito dal mancato assillo di dover collezionare punti a tutti i costi in virtù di una salvezza, praticamente, blindata. In altri termini, si alla giusta tensione agonistica, no a eccessi di timori e paure che portano a controproducenti insicurezze.

Del resto anche nel match dell'andata erano stati pochi pochi a scommettere sul team atalantino. Con il gol iniziale di Bonaventura e i due successivi (il secondo dal dischetto) a firma Denis, i nerazzurri rispedirono a casa, a testa bassa, l' Inter che aveva segnato, a sua volta, con Guarin e Palacio. E domenica alla «Scala del calcio italiano» Colantuono ripresenterà in invidiabile spolvero ancora la premiata ditta Bonaventura-Denis. Il primo, già uomo-mercato per eccellenza; l' argentino, in doppia cifra e per nulla sazio nelle vesti di bomber patentato. Quindi, è da ritenere, ancora, così scontato l'esito di Inter-Atalanta?
Arturo Zambaldo

fa.tinaglia

© riproduzione riservata