Domenica 21 Settembre 2014

Peccato, Atalanta fermata da due pali

La Fiorentina vince 1-0: gol di Kurtic

Boakye si dispera
(Foto by Magni Paolo Foto)

ATALANTA-FIORENTINA 0-1

RETE: 13’ st Kurtic.

ATALANTA (4-4-2): Sportiello 6, Zappacosta 6,5, Benalouane 6,5, Biava 6, Dramè 6,5 (36’ st Molina sv); Estigarribia 7, Cigarini 6,5, Carmona 6, D’Alessandro 6,5 (16’ st Gomez 6); Boakye 6,5; Denis 5 (31’ st Bianchi 6). All. Colantuono. In panchina: Avramov, Stendardo, Scaloni, Cherubin, Raimondi, Bellini, Baselli, Migliaccio, Moralez.

FIORENTINA (3-5-2): Neto 7; Savic 5,5, Gonzalo Rodriguez 6,5, Alonso 6; Cuadrado 6 (35’ st Vargas sv), Fernandez 6, Badelj 5,5 (11’ st Kurtic 7), Aquilani 6,5, Pasqual 6 (26’ st Richards 6); Ilicic 6, Gomez 5. All. Montella. In panchina: Tatarusanu, Lupatelli, Basanta, Borja Valero, Pizarro, Joaquin, Bernardeschi, Tomovic, Babacar.

Arbitro: Russo di Nola 6.

Note: spettatori 15.406. Ammoniti Carmona,Rodriguez, Fernandez, Aquilani e Gomez. Corner 7-4 per la Fiorentina. Recupero 0’+5’

Peccato: l’Atalanta ha disputato la sua miglior prestazione stagionale in campionato, ma paradossalmente ha perso in casa contro una Fiorentina che si è rivelata ancora la bestia ...viola dei nerazzurri. È la quinta vittoria di fila dei gigliati contro i bergamaschi, fermati da due pali. Gol decisivo di Kurtic, entrato da 2’, al 13’ st.

Sì, considerando anche la forza dell’avversario, è stata l’Atalanta che ci ha convinto di più, anche se non ha segnato e anche se ha incassato il primo gol stagionale su azione. È il calcio. Stavolta vari episodi sono stati sfavorevoli ai nerazzurri che hanno centrato per due volte i legni della porta avversaria, al 17’ pt con Boakye (grandissima parata di Neto) e al 36’ st con «Papu» Gomez, entrato nella ripresa e al debutto con i bergamaschi.

La Fiorentina ha colpito proprio nella fase più favorevole all’Atalanta e curiosamente con un giocatore, Kurtic, che durante il calciomercato era entrato nell’orbita dei nerazzurri. Un gol che ha freddato una difesa bergamasca fino a quel momento inappuntabile nel bloccare l’attacco gigliato (Gomez ancora in crisi d’identità) e le giocate estemporanee di Cuadrado. Il diagonale di Kurtic non è stato molto forte ma si è rivelato di una precisione chirurgica e ha superato Sportiello che stavolta non è stato portentoso ma è da considerare comunque incolpevole.

Sotto di un gol, Colantuono ha inserito «Papu» Gomez e nel finale Bianchi (fuori Denis), l’Atalanta non si è persa d’animo e ha tentato di rimontare con un forcing insistito. La Fiorentina ha traballato, ma ha resistito, anche perché all’Atalanta è mancata un po’ di forza e decisione in attacco. Purtroppo anche contro la Fiorentina si è visto un Denis lontano da una forma ottimale e senza il suo apporto il reparto offensivo ne risente inevitabilmente, nonostante Boakye abbia confermato di meritare il ruolo di titolare.

Secondo noi l’atalantino più bravo è stato Estigarribia, una freccia sulla fascia destra, che ha anche sfiorato il gol, e sulla sua corsia laterale ha brillato pure Zappacosta, ormai non più sorpresa ma bella realtà. Anche sulla fascia sinistra i nerazzurri hanno espresso una coppia convincente con Dramè che ha limitato molto Cuadrado spingendosi pure in attacco e con un D’Alessandro in crescita che ha dimostrato buona continuità e personalità, ha regalato l’assist per il quasi gol di Boakye nel primo tempo e si è notato anche al tiro.

Sulle fasce si è in definitiva vista l’Atalanta migliore. Un’Atalanta, attesa mercoledì a San Siro dall’Inter nel turno infrasettimanale, che deve recuperare nel più breve tempo possibile Denis. Perché senza Denis i nerazzurri non possono pensare in grande.

Marco Sanfilippo

CRONACA

Atalanta in campo al Comunale di Bergamo contro la Fiorentina per la 3ª giornata del campionato di serie A. Nerazzurri a caccia della prima vittoria casalinga dopo il pareggio dell’esordio contro il Verona. La Fiorentina, invece, non ha ancora segnato.

Se mister Colantuono presenta lo schieramento che era previsto - identico a quello che ha espugnato Cagliari - con la conferma di D’Alessandro sulla fascia sinistra di centrocampo e di Boakye come spalla di Denis, il tecnico dei viola Montella rivoluziona la sua squadra sia come modulo (dal 4-3-3 al 3-5-2), sia come interpreti: in attacco ci sono Gomez, in un pessimo momento di forma, e Ilicic.

Primo tempo

2’: assist in verticale in area sulla sinistra di Aquilani per Ilicic che conclude rasoterra, ma Sportiello è attento e respinge.

5’: cross de destra di Fernandez, Pasqual calcia al volo e Zappacosta mura il tiro. La Fiorentina reclama un rigore per un presunto fallo di mano del difensore atalantino che era peraltro vicinissimo a Pasqual.

9’: Estigarribia ruba palla ad Alonso a centrocampo, s’invola sulla fascia destra, ma quando entra in area la sua azione è fermata da Badelj.

17’: D’Alessandro se ne va sulla sinistra sfruttando un liscio di Savic, bellissimo assist in area in favore di Boayke che, solo a destra nel cuore dell’area, conclude in diagonale e Neto devia la palla sul palo con un intervento formidabile di piede.

20’: dopo un’azione Cigarini-Denis fermata per fuorigioco (ma Neto aveva parato l’esterno dell’argentino), un rasoterra dalla lunga distanza di Estigarribia è neutralizzato ancora dal portiere gigliato.

23’: bordata dai trenta metri di Alonso con parata in angolo di Sportiello.

24’: sul corner conseguente, Gonzalo Rodriguez prolunga la palla e Alonso, sempre di testa, sfiora il palo alla sinistra di Sportiello.

27’: ammonito Carmona.

39’: Cuadrado - che si muove moltissimo - si libera per il tiro dal limite dell’area, ma la sua mira è imprecisa.

41’: D’Alessandro va al tiro da fuori area, un difensore devia nettamente in corner, ma l’arbitro non vede e non lo concede.

44’: grande azione di Zappacosta, la cui staffilata da fuori area sorvola però la traversa.

45’: niente recupero, fine primo tempo sullo 0-0 tra Atalanta e Fiorentina.

Secondo tempo

1’: nessun cambio in avvio di ripresa.

2’: Cuadrado calcia da sinistra, Sportiello devia in corner, il terzo per la Fiorentina in due minuti della ripresa.

3’: ammonito Gonzalo Rodriguez.

5’: Cigarini cerca l’angolino basso alla sinistra di Neto su punizione, ma il portiere blocca a terra la palla.

5’: Denis vanifica un contropiede calciando fuori da posizione centrale.

6’: cross da destra di Zappacosta e incornata di D’Alessandro che non centra lo specchio della porta.

8’: azione personale di Estigarribia che dai venti metri calibra una fiondata a rientrare e la palla lambisce il palo alla destra di Neto. Sarebbe stato un super gol.

11’: entra Kurtic per Badelj.

13’ GOL: Kurtic, entrato da 2’, s’inserisce benissimo e dal limite sinistro dell’area fulmina Sportiello con un preciso diagonale rasoterra che s’infila in rete dopo aver toccato il palo interno.

15’: ammonito Fernandez.

16’: entra «Papu» Gomez, al debutto con l’Atalanta, per D’Alessandro.

21’: Ilicic s’incunea sulla destra tra i difensori atalantini e opta per una conclusione a rientrare che si perde non lontano dal palo alla destra di Sportiello.

22’: ammonito Aquilani.

26’: entra Richards per Pasqual.

27’: cannonata dalla trequarti destra di Zappacosta bloccata da Neto.

31’: entra Bianchi per Denis.

32’: tentativo da lontano di Benalouane con parata di Neto.

33’: diagonale basso da sinistra di «Papu» Gomez e respinta di Neto.

35’: entra Vargas per Cuadrado.

36’: «Papu» Gomez affonda sulla sinistra e calcia da posizione molto angolata, la palla è deviata sul palo da Neto e Boakye, in agguato, non riesce a ribadire in rete.

37’: entra Molina per Dramè.

44’: Boakye spara a lato da sinistra, ma l’arbitro aveva fermato il gioco per un fallo peraltro inesistente.

45’: ammonito Gomez.

45’: 5’ di recupero.

48’: traversone dalla trequarti sinistra di Gomez, incornata di Denis a sorvolare la traversa.

49’: cross da destra di Molina, deviazione di Boakye e salvataggio di Gonzalo Rodriguez.

51’: fine partita Atalanta-Fiorentina 0-1.

© riproduzione riservata